martedì 12 febbraio 2019

UN MALEDETTO LIETO FINE - Bianca Marconero

Giovedì è uscito il nuovo libro di Bianca Marconero, io mi ci sono fiondata -letteralmente perchè il cartaceo non arrivava e ho preso anche ebook- e insieme alla fidata Alice (Some books are), compagna di mille sofferenze, ho intrapreso questa nuova avventura. Ora, il mio amore per i libri di Bianca è risaputo, ma ancora una volta mi ha sorpresa perchè io questo libro l'ho amato più del solito.

Titolo:  Un maledetto lieto fine
Autore: Bianca Marconero
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 352
Trama: Agnese ha diciannove anni, è la figlia di un senatore piuttosto influente e ha ricevuto un’educazione rigida. Le piace disegnare ma ha messo i sogni nel cassetto e si è iscritta a Giurisprudenza. Dopo la morte della madre, ha imparato a nascondere a tutti i suoi veri sentimenti ed è diventata la classica ragazza ricca, perfetta, composta e fredda, ma in realtà piena di insicurezze. Quando la sua incapacità di lasciarsi andare allontana il ragazzo di cui è innamorata da anni, Agnese capisce di avere bisogno di aiuto. Vorrebbe qualcuno che le insegni a essere meno impacciata e Brando, il suo fratellastro appena acquisito, sembra proprio la persona giusta. Lui lavora di notte, suona in una band, e cambia ragazza ogni sera. Peccato che il bacio che i due si scambiano per “prova” sia lontano anni luce da un esercizio senza conseguenze. Così le loro lezioni di seduzione ben presto diventano qualcosa di più… Brando saprà insegnare ad Agnese che la lezione più importante di tutte è abbandonarsi alle emozioni?
Basta un corso di “seduzione” per imparare a lasciarsi andare?


__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __

Prima di iniziare lo sproloquio vi avviso, sarà lungo e delirante.
Questo è uno di quei libri che ti distrugge, che ti fa a pezzi, uno di quei libri che quando lo chiudi non senti il bisogno di rileggerlo perchè già sai che lo ricorderai per sempre. Perchè un libro così lo vivi direttamente, e non ci si dimentica le cose che hai vissuto. 
Per parlare di questo maledetto libro, mi sembra doveroso iniziare dalla fine. Il finale, tanto discusso e tanto criticato, per me è stupendo. L'ultima scena che ci viene proposta è la conclusione perfetta di una storia piena di amore, gelosia e sofferenza, che sono poi tutte sfaccettature dell'amore vero.

Brando ed Agnese sono fratellastri (non di sangue), e non potrebbero essere più diversi, infatti non si frequentano e non si parlano praticamente mai pur vivendo sotto lo stesso tetto. Quando Agnese viene mollata dal suo ragazzo perchè "troppo inesperta e frigida", lei ha solo un piano in mente per riconquistarlo: prendere lezioni di seduzione per imparare quello che Mattia accusava mancante, la pratica. E chi meglio del debosciato, rockettaro e sempre disponibile Brando? Il figlio della nuova moglie di suo padre, quel ragazzo che abita proprio nella mansarda sopra la sua stanza, accessibile e sicuro, perchè con lui di certo non rischia il cuore ed è in grado di insegnarle tutto. 
E lui? Lui accetta. 
Accetta perchè è una sfida, è un gioco, perchè nonostante le ostilità con quella bambolina perfetta c'è qualcosa in lei che lo attira, che gli fa accettare questa assurdità, lasciando da parte ogni logico buon senso. E in più lei decide pure di dargli dei soldi per queste lezioni, essere pagato per fare sesso è un tantino esagerato, ma a lui in fondo i soldi servono perchè mai e poi mai userebbe quelli del suo patrigno e con questa motivazione dice di sì.

Il loro rapporto parte quindi con le peggiori prerogative, lui lo fa per i soldi e lei lo fa per perdere lo scomodo fardello della verginità. Eppure, più si frequentano e più qualcosa cambia, qualcosa nasce. Ma sotto questo punto di vista, un legame emotivo è per entrambi una terra inesplorata, ed essendo due persone che vivono di insicurezze e di maschere, seguire la loro storia è come stare sulle montagne russe. E vi assicuro che è stupendo da leggere.

Agnese è una protagonista che all'apparenza odierei, ama il rosa, ama Tiziano Ferro (e pure Brando la prende in giro) e vive la sua vita facendo quello che è giusto e che ci si aspetta da lei. E' fredda, rigida, testarda e molto determinata nel raggiungere i suoi obiettivi, molto leale verso il padre e la famiglia. Però sotto quest'apparenza, sotto queste maschere di freddezza e distanza che indossa quasi sempre, è una ragazza insicura, che non sa bene come comportarsi in certe situazioni, di fronte a certi sentimenti, e che tende a soffrire e chiudersi dietro la compostezza richiesta dall'etichetta piuttosto che mostrare le proprie debolezze e fare "scenate".

Brando sotto un certo punto di vista è esattamente come Agnese, è insicuro e non sa come rapportarsi con una ragazza come lei che lo destabilizza, lo spiazza su più di un fronte - e lui di ragazze ne ha conosciute di tutti i tipi. Eppure solo lei riesce a farlo sentire così preso, talmente tanto che quando la sua gelosia e la sua rabbia lo assalgono -e fidatevi capita molto più spesso di quello che vorrebbe- lui si comporta da stronzo. E lei incassa, non fa una piega. I loro botta e risposta sono spesso silenziosi, fatti di gesti e di cose non dette che li allontano pur legandoli sempre di più.

Brando ed Agnese hanno talmente paura di essere respinti, di essere abbandonati che snobbano la possibilità di essere felici, e quando per loro arriva il momento perfetto, quello in cui tutto sembra possibile, forse è ormai troppo tardi. 
E qui si ritorna a quanto dicevo sopra, che da quel momento in poi il loro finale diventa perfetto, maledettamente adeguato.

Come sempre nei libri di Bianca non riesco ad essere del tutto oggettiva, lei riesce a trascinarti nella storia. Amo il doppio pov come in questo caso, e stavolta mi sono innamorata -ed immedesimata- di entrambi i protagonisti. Li ho insultati, certo, ma li ho anche capiti, perchè di quelle incertezze ci ho vissuto anche io. Bianca ti fa a pezzi il cuore in una scena e in quella successiva te lo fa scoppiare dalla felicità.
Le risate che mi sono fatta, le lacrime che ho trattenuto, la paura che ho provato, l'esaltazione per gli attimi rubati di Agnese e Brando, sono una miriade di emozioni diverse che mi son ritrovata a provare per tutto il libro, spesso anche in contemporanea. Alice ne è testimone, senza di lei sarei stata davvero persa.

Ma oltre ai personaggi bellissimi e reali, sfaccettati e complessi (non mi riferisco solo ai principali -ho amato Pier e ho odiato tantissimo Lucio e il Senatore Altavilla- anche quelli secondari sono perfettamente integrati e necessari) mi sono innamorata dell'ambientazione, della Roma perbene dell'alta borghesia (che tanto mi ricorda Gossip Girl) contrapposta a quella Roma fatta di bassifondi e di locali underground dove suonano gruppi alternative che sognano di sfondare in California. Mi ha ricordato la mia vita, perchè sono come Agnese sotto tanti punti di vista, ma sono anche come Brando per la musica e tutto quello che ne consegue. 

E quindi che ho detto finora? 

Non ne ho idea. Io vi dico che questo libro è talmente perfetto che non posso nemmeno immaginare di riprenderlo in mano per leggerlo di nuovo, perchè ho ogni cosa impressa in testa e non se ne andrà tanto facilmente. Ogni scelta, ogni decisione, ogni svolta di trama è coerente, adeguata e realistica. Tanto da fare male. 
E Bianca, non so come, riesce a trasmette un'immensità di emozioni in una frase, non descrive troppo nè troppo poco, ma io percepisco tutto un mondo dietro una singola parola (sì, avete ragione, probabilmente sono io che ho dei problemi).

Se come me amate i libri da pugno nello stomaco, da angst infinito, da leggere accompagnati da una confezione di biscotti, questo fa per voi. 

Ma vi avviso, il titolo di questo libro dice tutto. E' un libro maledetto, maledetto come la vita di Brando, maledetto come la sfortuna che li perseguita, maledetto come la fine che vi troverete fra le mani. Ma non pensate che il lieto fine non ci sia, il finale è un finale, il lieto fine c'è ed è assolutamente coerente per personaggi così imperfetti, solo che non a tutti piace un lieto fine maledetto (scusate il gioco di parole, è doveroso qui).

Piccolo consiglio, tenete a portata di mano un altro libro di Bianca, tipo quello dei cavalli, che forse avvertirete il bisogno di rivedere dopo aver concluso questo, per me e Ali è stato così.


E siccome io adoro farmi del male, e Alice anche, abbiamo pure creato una playlist con canzoni che probabilmente piacciono a me, a lei e ad altre 10 persone, ma che secondo noi sono perfette per i vari stadi di lettura di questo libro. Brando è un musicista e il libro stesso è pieno di musica,. Non abbiamo inserito i Blink 182 solo perchè li cita direttamente Brando ma anche loro dovrebbero finire in playlist, all'inizio diciamo. 
L'ordine è piuttosto fedele alla lettura, e sì, siamo molto fiere di questi titoli perchè rispecchiano tantissimo la storia.
(Per fare questa maledetta foto ci ho messo mezz'ora, ma sono così soddisfatta del risultato finale che cammino a mezzo metro da terra).

Demons - Our Last Night
22 Acacia Avenue - Iron Maiden
Killing Me, Killing You - Sentenced
End of Innocence - Iced Earth
Snuff - Slipknot
Keeper - Yellowcard
Getting Over You - The Used

17 commenti:

  1. E io non posso prenderlo perché sono completamente al verde al momento >___<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non riesci a prenderlo nemmeno ora che è in offerta ebook a 0,99 €??

      Elimina
    2. Non lo sapevo! Domani controllo se ho 1 euro nella postpay *^*

      Elimina
  2. Che questa recensione fosse stupenda lo sapevo già, avendola letta in anteprima - cioè, dice tutto quello che non sono riuscita a dire io.
    E vederla così, nel mondo del web, con quella foto meravigliosa dall'illuminazione perfetta è ancora più bella. ♥
    *sospira*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sono più esaltata dalla foto, dalla nostra playlist o da ciò che ho scritto, resta il fatto che tu sei di parte XD

      Elimina
  3. WOW, che bellissima recensione! Io sono mesi che voglio leggere qualcosa di suo ma continuo a rimandare, se metteranno l'e-book a sconto lo prendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per ora è in offerta a 0,99€, questo è uno di quelli col finale più discusso di tutti i suoi libri, ma in generale adoro ogni storia di Bianca, non saprei quale consigliarti prima XD

      Elimina
  4. Ora capisco perché mi hai cambiato l'opzione nella challenge xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo ha il bassista e la ragazzina ricca protagonisti.
      Puoi scegliere anche quello dei cavalli, o quello col gamer e la influencer, oppure quella con i nerd amanti del cinema o anche quello di Marco e Marianna (che mi è piaciuto meno e magari tu preferisci ahahaah)

      Elimina
  5. Eh sarà difficile scrivere la recensione...
    Ma ti citerò, sarà doveroso anche stavolta, ma per un motivo diverso, ho messo anche io la foto con uno dei miei bassi :) Anzi per l'occasione ho utilizzato il mio "gioiello" *-*
    PS: Questo è un modello Fender Jazz bass o uno Squier se non sbaglio vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onorata di essere citata da te in ogni caso *_*
      Sì, questo è un Fender 60th Anniversary e mi pareva perfetto per l'occasione, ho chiesto il permesso di usarlo a fidanzato XD (ne ha altri 3 in casa ma non erano adatti!)
      E sono curiosa della tua foto <3

      Elimina
    2. Uh, la playlist ti piace? XD

      Elimina
    3. Assolutamente sì!!! La playlist sì mi piace! Tanto presa dai bassi mi ero dimenticata di citarla *-* A questo punto ti passo anche gli Slipknot ;)
      Recensione pronta, tra poco la pubblico ^-^

      Elimina
  6. LO STO LEGGENDO ADESSO!
    30% e al momento è MOOOOLTO bollente.
    Non vedo l'ora di proseguire (e in realtà ho anche paura!).

    RispondiElimina