giovedì 14 febbraio 2019

PARLANDO DI... LIETO FINE

Continuano le mie #domandefastidioseedovetrovarle ispirate dalle varie polemiche che mi capita di leggere in giro. QUI trovate il post sui libri rivalutati primo articolo di questa "quasi rubrica" di domande fastidiose.

E ora veniamo al tema odierno, che come vedete dal titolo, riguarda il lieto fine.



Nei libri cercate sempre il lieto fine?
Come valutate quelli che il lieto fine non ce l'hanno?

La domanda è scaturita dall'ultimo libro di Bianca Marconero di cui vi ho parlato qualche giorno fa, in Un maledetto lieto fine il lieto fine non c'è, non proprio
E non è spoiler suvvia, perché lo dice il titolo stesso che qui il lieto fine è maledetto.

A proposito di questo libro, ho letto su Amazon e su Facebook un sacco di recensioni negative, lamentele e richieste su un finale così interrotto e un possibile sequel perché no, non è possibile finire un libro così, non è giusto secondo loro.

Io personalmente sono una di quelle che il lieto fine non lo vuole. 
Odio i libri dove i protagonisti si sposano, mettono su famiglia, e vivono per sempre felici e contenti. Per me sono cliché. 
Perché nella vita vera il lieto fine non è mai lieto, non c'è nulla di facile o di scontato, l'amore non è sempre e solo felicità, ma c'è sofferenza, c'è la difficoltà del portare avanti un rapporto insieme, nonostante tutto l'amore del mondo.
E trovo corretto che nei libri ci sia il realismo di raccontarlo. 

Per prima cosa, se un autore lo crea così un motivo c'è, può piacere o meno, ma il fatto che un libro non finisca come uno vorrebbe non dovrebbe pregiudicare il voto al libro stesso - o all'autore in generale.
Se il non lieto fine ha senso, è coerente con il contesto e i personaggi perché deve essere bocciato? Anche a me spiace se i due non stanno insieme, se uno dei due muore lasciando l'altro solo al mondo con magari un figlio (non faccio titoli dei libri che cito, sono bravissima!) ma ho l'apertura mentale di immaginare un futuro per loro anche se quel futuro non lo sapremo mai. Se la storia mi ha lasciato qualcosa, il finale "brutto" - e questo è un dato di fatto estremamente soggettivo - ci sta. Lo preferisco all'happily ever after. 

E' come quando un lettore dice "Muoio se non esce quel libro" (so di essere un tantino OT ma devo togliermi anche questo sassolino). 
No. 
Ma no. 

Resta comunque il fatto che stiamo parlando di libri, anche io ci vivo di libri, ma se non c'è qualcosa che vorrei subito perché esce tra mesi, o perché non è finito come volevo o perché non si sa quando (e se) ci sarà il seguito non muoio, perché di sicuro trovo altro disagio di cui nutrirmi, e trovo esagerato esasperare questa cosa.
(Al contrario, se un libro lo amo alla follia, è giusto farne un caso di stato ed essere monotona e ripetitiva)

Voi cosa ne pensate? 
Cercate sempre un lieto fine nei libri? 
Se non vi piace un finale, ma tutto il resto del libro sì, promuovete il libro?

Dai dai dai, aspetto i commenti!

22 commenti:

  1. Io invece sono una di quelle persone che il lieto fine lo vuole sempre ah ah e parlo nonostante ami Sparks che i lieto fine non li fa vedere sempre, è vero la vita non è tutta rose e fiori e il realismo ci vuole sono d'accordo ma proprio perchè sono libri mi piace sognare e aspettare il lieto fine con trepidazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse il mio problema deriva dal fatto che odio tutte quelle cose "da femmina" tipo il matrimonio, il giorno più bello della vita ecc ecc, e prediligo la sofferenza XD
      Che poi se il lieto fine c'è mica disdegno un libro, anche lì, se è coerente ci può stare eh XD

      Elimina
  2. Io sono una che il cuore il lieto fine lo verrebbe sempre, ma la testa si rende conto che ci sono casi dove è meglio di no perché il lieto fine sarebbe ridicolo ^^;;
    Immagino che aver visto Lady Oscar in generale (e il finale in particolare) a sette anni mi abbia insegnato presto a non aspettarselo di default, che vada tutto bene nelle storie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Lady Oscar l'ho visto pure io non so a che età, ma siamo lì XD
      Però dipende dai casi, in genere preferisco se non c'è, non devono morire tutti ma non devono sposarsi ogni volta XD

      Elimina
  3. *standing ovation*
    Ovviamente sai che per me il finale dell'ultimo libro di Bianca è perfetto così com'è.
    Ma in generale, sebbene ci sia sempre una piccola parte di me che vuole il lieto fine, la parte che invece prende più spazio è quella che è perfettamente d'accordo con il finale dolceamaro o proprio con l'assenza di happy ending perché per me è importante che sia coerente con i personaggi e con le situazioni, perché certe dinamiche e certi problemi non li risolvi in quattro e quattr'otto solo per avere la casa con la staccionata bianca.
    Poi magari mi faccio mille film mentali dopo, ma sì al not happy ending.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I film mentali dopo sono d'obbligo, sarà per quello che adoro un finale diverso dal classico "felici per sempre", così poi penso io ad altre mille situazioni possibili XD

      Elimina
  4. Chiaro che io sono sempre contenta di vedere un lieto fine, ma sono cosciente, come dici tu, che se è un libro o un film è stato concepito in un modo, così è. Può piacermi o non piacermi, ma così è, non può esserci un giusto o uno sbagliato.
    Anzi, alle volte è molto, molto intrigante scoprire dei libri che non hanno il classico lieto fine, li rendono meno banali. Altre volte il lieto fine è la cosa perfetta per la storia che è stata raccontata. Ogni volta è diverso :)
    L'unico cosa che assolutamente non riesco a tollerare sono i libri in cui ci sono gli animali che muoiono... ecco lì devo sapere prima come va a finire, altrimenti non li leggo proprio. Sono talmente piagnona che mi ci potrei sentire male...
    Bel post, bella questione, mi piace ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, non mi sono mai imbattuta in libri/film con animali, non li cerco e non li ho mai trovati ma credo che non farebbe differenza, cioè se è coerente per me va bene anche la lacrima!

      Elimina
  5. A me disturba che manchi l'epilogo. Se il libro è uno te il cerchio devi chiudermelo, no che io resto lì appesa. Puoi anche darmi un HFN o un non happy affatto, ma deve essere un finale. Ecco ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, I know, dovrebbero tutti fare come i film della Marvel che hanno la scena finale (anche se apre le porte a nuovi film). Anche nei libri, pensa, chiudi la copertina e dietro hai ancora roba AHAHAHAH

      Elimina
  6. Per me un libro (o un film) non deve per forza avere un lieto fine. Quel che conta per me è che mi trasmetta qualcosa, emozioni, sogni, o anche semplicemente che la trama sia bella.

    RispondiElimina
  7. Purtroppo esistono già tanti unhappy ending nella vita reale, e forse è per questo che tanti lettori preferiscono non trovarseli anche fra le pagine...

    Detto questo, a me va benissimo trovarli nei libri; anzi, magari esistessero soltanto lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì capisco che la vita sia a volte brutta nella realtà, ma l'happy ending delle favole non l'ho mai amato nonostante tutto XD
      E sì, se ci fosse solo nei libri...

      Elimina
  8. Il mio problema invece non è la mancanza di un lieto fine, concordo con te che se l'autore ha deciso di far finire in un determinato modo, un motivo c'è; ma ciò che mi disturba è un finale affrettato, buttato lì perché non si sapeva come farlo finire, oppure, peggio ancora, i finali che non hanno un gran senso, ovvero quelli in cui il finale non rispecchia tutto ciò che è nella natura dei personaggi, e purtroppo capita troppo spesso ultimamente di trovare questi casi. Prendi Allegiant: ho maledetto la Roth in ogni lingua conosciuta e non, eppure il finale è maledettamente perfetto e rappresenta Tris.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho rimosso quasi ogni cosa di Divergent? XD
      Eppure mi era piaciucchiato, ma il finale, non ricordo cosa avevo provato (me lo ricordo eh il finale!).
      Però sì, a volte si trovano scene buttate lì tanto per chiudere senza aver senso.

      Elimina
  9. Sto leggendo "Un maledetto lieto fine" proprio adesso e mi è capito di sbirciare qualche recensione negativa, ma Bianca stessa mi ha avvertito del fatto che sia un libro bastardo. Ma, come ho scritto a lei, se è necessario questo finale io l'accetto. E in generale così con tutti i libri. Forse sarà difficile accettarlo, ma me ne farò una ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, si può non amare un finale personalmente ma va accettato diciamo. Io l'ho amato il finale di Bianca perchè è l'unico possibile, poi possiamo pure parlarne per ore se vuoi quando lo finisci XD

      Elimina
  10. Io sono tendenzialmente una fan dei lieto fine, tanto che se so già in partenza che uno dei protagonisti muore alla fine difficilmente leggerò il libro. Ci sono delle eccezioni, ovviamente, ma come regola generale per me funziona. È anche vero che sono molto esigente, quindi voglio il lieto fine ma il lieto fine che ci stia bene, non che sia forzato solo perchè la storia doveva finire bene per forza.
    Ma più del lieto fine io sono una devota dei finali. Un libro deve avere un'inizio, uno svolgimento e una fine. I cliff-hanger non mi piacciono e cerco di evitarli. Sono disposta a chiudere un occhio su quelli fatti bene, se tutto il resto del libro merita, ma se sono pure fatti male a quel punto ne risente tutto il mio giudizio sul libro (e sull'autore).
    E a me è capitato di dire "l'attesa di quel libro mi sta uccidendo" perchè ci sono casi in cui la curiosità è davvero troppo alta! Come, ad esempio, dopo il finale de La via del Male!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahh giusto, o per dire il finale di Golden Son anche se poi non è ripreso subito dopo ma mesi dopo in Morning Star. Io invece adoro i cliffhanger, sono molto curiosa di cosa accadrà dopo, ma intanto che arriva il tutto ho sempre qualcosa con cui distrarmi. Il finale interrotto peggiore di sempre è quello di A gathering of shadows della Schwab, quello è tremendo, ma anche lì ho aspettato pazientemente di esser in vena di proseguire :)

      Elimina
  11. Se non c'è il lieto fine , pazienza. Un libro mi deve piacere, deve avere una trama che mi attira. Al massimo se non c'è il lieto fine mi fa scendere qualche lacrima……..però se il tutto fa parte della storia ben ci sta il finale anche non lieto.

    RispondiElimina