martedì 22 gennaio 2019

L'ACCADEMIA DEI VAMPIRI - Richelle Mead

In questo nuovo freddissimo martedì di gennaio vi parlo di un libro letto per la mia Challenge su misura by Jessica. Ho estratto a sorte un numero ed è uscito questo. Avevo voglia di uno YA, e perchè no, anche di paranormale. Ero titubante sui vampiri... ma devo ammettere, con riluttanza, che mi è proprio piaciuto. Quindi Jessica e Francesca, questa recensione è per voi. 

Titolo:  L'accademia dei vampiri
Titolo originale: Vampire Academy (Vampire Academy #1)
Autore: Richelle Mead
Editore: Rizzoli
Trama: Fuggire dall’Accademia dei Vampiri per rifugiarsi fra gli umani sembrava l’unica strada per una vita “normale”. Ma a due anni dalla fuga, Lissa, principessa erede di una delle più nobili casate di vampiri Moroi, e Rose, sua migliore amica e guardiana, vengono ritrovate e riportate fra le mura del college.
Dietro l’apparente ritorno alla normalità si nasconde una lotta senza regole né morale per il controllo di un potere di cui Lissa è l’ignara custode. I pettegolezzi, gli sguardi curiosi, le malignità mascherate da amicizia sono i nemici più facili da sconfiggere. Il pericolo reale si mostra solo quando decide di colpire. Lissa pagherà con la vita, se Rose non sarà capace di proteggerla.

__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __

Mentre scrivevo questa recensione mi sono resa conto di aver sprecato mille parole per il mondo dei vampiri in generale, per cui ho pensato di suddividere gli argomenti in due post, uno di focus sui vampiri secondo me, che ho pubblicato ieri QUI, e l'altro con la vera e propria recensione.

Tutta la premessa di ieri l'ho scritta per dire che non partivo bene con questo libro, ero scettica e già lo vedevo bocciato. Scoprire che invece non si è rivelato affatto male, esserne coinvolta e apprezzarne diversi aspetti mi ha letteralmente scioccata. 

Perchè sì, i vampiri dell'accademia non sono come il caro vecchio Dracula, ma sono molto simili, almeno come concetti, e il mondo è stato creato partendo da quella base, riadattandolo un pochino. 
La Mead ha fatto veramente un bel lavoro, ha creato due tipi diversi di vampiri -che a ben vedere sono gli step che un vampiro percorre per diventare tale- ovvero Moroi e Strigoi. Solo i secondi sono veramente "classici" e sono i cattivi della storia. I Moroi sono lo stadio appena prima, quello in cui "bevo sangue ma non uccido nessuno per nutrirmi". In più vengono aggiunti i dhampir, ovvero ibridi (e anche qui non è una novità assoluta) che ho apprezzato molto per come sono inseriti. Se gli Strigoi sono i vampiri cattivi, i Moroi sono la stirpe reale e nobile (me li sono figurata tutto il tempo come la Corte di Underwolrd) e i dhampir sono i guardiani di quest'ultimi. La gerarchia di questo mondo è veramente ben costruita e funziona restando piuttosto semplice da capire e figurarsi proprio perchè prende spunto da cose già note a chi conosce un minimo questo mondo.

Non posso per ovvi motivi svelare più di tanto sulla trama perchè anche se nel libro succedono poche cose attive, si scoprono tanti collegamenti tra i vari personaggi della storia, e descriverli sarebbe come raccontarvi tutto. Da quello che ho scritto sopra si capisce che il mondo mi affascina parecchio così come i personaggi.
Rose e Lissa sono due migliori amiche legate da molto di più che semplice amicizia o lavoro (Rose è la guardiana di Lissa, anche se in apprendimento), ed è grazie a questo legame che abbiamo anche il pov di Lissa. Il loro rapporto è qualcosa di veramente ben costruito e reale, e nonostante Lissa mi piaccia relativamente poco, insieme sono veramente stupende.

Una cosa che ho apprezzato moltissimo è che la protagonista, Rose, o meglio la protagonista di cui abbiamo il pov, non è la principessa. Lissa è la reale, Rose la guardiana. Non è scontato avere una protagonista meno nobile della persona che protegge, di solito è il contrario ed è un punto a favore del libro. Altra cosa che adoro è l'ambientazione scolastica, l'accademia ospita sia Moroi che dhampir, studiano insieme anche se per due "specializzazioni" diverse, e all'interno del libro sono presenti moltissimi elementi tipici degli YA, invidia, tradimenti, giochi di potere, contestualizzati nell'ambito della scuola, ma non solo.

Ma la storia non è fatta solo d'amicizia e casate reali, c'è anche l'amore
Dimitri è il guardiano che sta addestrando Rose ed è... il classico vampiro affascinante e misterioso, pieno di segreti e freddo come il ghiaccio, ligio al dovere sopra ogni cosa. Solo che non è un vampiro. Insomma lui è il clichè dell'uomo misterioso e affascinante che però, stavolta, non mi fa nè caldo nè freddo.
Altra storia è Christian, lui sì che è affascinante, e mi piace parecchio, è passionale ma oscuro e molto intrigante. Ci sono altri personaggi molto belli, in generale sono tutti ben fatti, la Mead è veramente brava a tessere situazioni e relazioni interessanti che catturano l'attenzione.

Non è un libro pesante, non è difficile, è adatto a un pubblico piuttosto giovane ma riesce a catturare anche i più grandi (io faccio parte del pubblico giovane). Il mondo è piuttosto complesso a una prima occhiata (anche perchè temo che in altri 5 volumi le cose si complichino) ma è veramente scorrevole e dettagliato nelle spiegazioni, non ci si perde e si arriva in fretta alla fine.
E' uno di quei fantasy strutturati bene con una grande componente emotiva, una guilty plasure paranormale che non vedo l'ora di proseguire.

12 commenti:

  1. Ricordo che mi era piaciucchiato, ma non così tanto da farmi proseguire nella lettura. Però leggerò le tue recensioni, così magari capirò anche come è andata a finire XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece interessa proseguire, ci sta una lettura così ogni tanto ;)

      Elimina
  2. mi ricordo che lo avevo adorato ma poi non avendo i libri in casa non ho più proseguito ma quest'anno devo recuperare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente mi procurerò anche gli altri per proseguire, anche se con calma :)

      Elimina
  3. Anni fa avevo provato ad iniziarlo, ma l'ho abbandonato dopo i primi capitoli. Penso che prima o poi proverò a ricominciarlo, la storia non ha smesso di interessarmi, probabilmente era solo il momento sbagliato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse dipende dal periodo, ma è molto leggerino come fantasy quindi devi essere più in vena di YA secondo me XD

      Elimina
  4. Sono contenta che ti sia piaciuto! :) Il fatto che la vera protagonista fosse Rose e non Lissa aveva colpito anche me, è una cosa originale :)

    RispondiElimina
  5. Sto saltando di gioia!!! Sono davvero felice che ti sia piciuto e ched Jess te lo abbia proposto!!! Ora via con i prossimi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con calma veh, che ho un milione di cose prima XD

      Elimina