lunedì 2 luglio 2018

DAMMI MILLE BACI - Tillie Cole

Jessica è sicuramente l'artefice di questa mia lettura, da quando lei ha scoperto questo libro in inglese ce l'ho in lista, e nel momento in cui è uscito in Italia mi ci sono fiondata. Adoro i libri da lacrime, ed ero certa che questo lo fosse. Però nonostante le lacrime è anche un libro molto dolce e pieno d'amore, motivo per cui non ho potuto gustarmelo fino in fondo dato che non amo quel genere di cose...

Titolo:  Dammi mille baci
Titolo originale: A thousand boy kisses
Autore: Tillie Cole
Editore: Always Publishing
Pagine: 349
Trama: Un ragazzo. Una ragazza. 
Un legame creato in un istante e custodito per un decennio. 
Un amicizia che né il tempo né la distanza possono spezzare. 
Un amore che durerà oltre il destino.

Poppy Litchfield ha solo nove anni quando si lancia nell’avventura più grande della sua vita, collezionare mille baci capaci di farle scoppiare il cuore. Il suo vicino di casa e migliore amico è il perfetto compagno per quest’avventura. 
Poppy ha tutto quello che potrebbe desiderare: gioia, risate, baci da togliere il fiato, e il vero amore. 
Ma crescere è difficile e l’amore può non essere in grado di superare tutti gli ostacoli... 
Quando il diciassettenne Rune Kristiansen torna nella tranquilla cittadina della Georgia in cui ha abitato da bambino, ha in mente solo una cosa. 
Scoprire il motivo che ha spinto la sua inseparabile amica d’infanzia a escluderlo dalla sua vita senza una parola di spiegazione. 
Ma il suo cuore potrebbe rompersi di nuovo... 

__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __


Poppy e Rune sono amici da quando avevano 5 anni, da quando quel bimbo triste e scontroso si è ritrovato strappato dalla sua amata Norvegia per finire a Blossom Grove, dove la gente parla in modo strano, un inglese molto diverso dal suo. Però Poppy, quella bambina solare e sorridente che abita accanto a lui, dal primo loro incontro gli farà capire che dopotutto l'America non è così brutta. Qui inizia la storia di Poppy e Rune. Una storia che non è solo amicizia, ma è molto di più. Da quel momento diventano inseparabili. Sempre e per sempre. (Questo è decisamente il libro del "Sempre e per sempre" e del "Noi all'infinito").

Quando però a 15 anni Rune deve tornare in Norvegia con la famiglia il loro mondo si sgretola, perchè la distanza nei due anni che seguono si è trasformata in silenzio e  poi in assenza. Poppy è sparita dalla Georgia, è sparita dalla sua vita e Rune è disperato, dilaniato, straziato. La rabbia ha trasformato Rune in un ragazzo cupo, sgarbato e arrogante.

Due anni dopo, quando entrambi si ritrovano nelle stesse case della loro infanzia di nuovo, tutto è diverso. Eppure nulla è cambiato, perchè il loro amore (sì, proprio quello del "sempre e per sempre e oltre i limiti dello spazio e del tempo") è ancora lì. Nonostante la sofferenza, nonostante la distanza, la rabbia e le ferite, Poppy e Rune sono ancora innamorati, e il loro amore resiste. 
Poppymin.
Il perfetto nome di Rune, per me.
La mia Poppy.
La sua ragazza.
All’infinito.
Sempre e per sempre.
La primissima parte del libro mi è piaciuta tanto, sofferenza, angst e cuori infranti. Anche se lo stile non è nelle mie corde -è molto descrittivo e dolce e lento per adeguarsi al tipo di storia e ai personaggi- ho adorato la prima parte, quella della separazione.

Una volta che i due si incontrano di nuovo però l'ho apprezzato un po' meno, perchè veramente, è tanto tanto -troppo- dolce. Rune è il cattivo ragazzo per eccellenza, fuma, beve, è sgarbato con tutti, è minaccioso. Eppure quando c'è Poppy si scioglie, non può resisterle perchè lei è perfetta, lei è angelica, lei è intoccabile. Sono esattamente agli estremi e se da un lato questa cosa ci sta benissimo dall'altro no, perchè non può esserci nulla di così perfetto come lei (e ok, lei non è perfetta un difettino lo ha, però è spoiler e anche se potete immaginare cosa sia non ve lo dico). Rune mi è piaciuto tanto, ma Poppy mi ha lasciata indifferente, davvero non capisco come possa piacere tanto a lui, non ha niente di speciale. 

Sapevo che era un libro dolce, ha la parola BACI nel titolo e la cover ha colori delicati e carini, però mi aspettavo più sofferenza, più angoscia, più trepidazione. La loro è una bellissima storia d'amore ma volevo una storia diversa, con personaggi meno stereotipati, più imperfetti e reali. La storia poi si concentra esclusivamente su loro due, gli altri personaggi di contorno sono veramente solo di contorno (non è che sia una pecca però è tutto incentrato esclusivamente su loro due e avrei voluto più contesto, più interazione con gli altri)Di certo è una storia di sofferenza, qui di lacrime ce ne sono a volontà (non mie perchè io piango pochissimo), ma non posso dirvi altro senza fare spoiler enormi su tutto. Però oltre allo zucchero eccessivo ci sono anche tanti momenti belli  e perfetti, scene come quelle a New York che ho amato e che stanno benissimo nel contesto del libro e dei personaggi.

Non posso lamentarmi della lettura, non mi pento di averlo letto, mi ha fatto piacere conoscere Rune e la sua storia con Poppy, ho apprezzato questi due giovani innamorati perfetti insieme contro il resto del mondo, ho apprezzato l'intensità del loro amore e i sentimenti che emergono dalla lettura. Ma non ci sono abbastanza elementi per dargli un voto maggiore, perchè per quanto intensa e sofferta è una storia troppo dolce, che uno sviluppo troppo lento (e ripeto, per il tipo di storia il ritmo è perfetto, sono io che amo cose più movimentate) e personaggi un po' troppo stereotipati. Per me è un libro da troppo insomma.

E l'epilogo. Non parliamo di quello perchè si poteva evitare in ogni modo possibile, ho cercato veramente di non farlo influire sul voto ma non è possibile, per me il libro doveva finire col capitolo 16.

Però Rune mi ha decisamente salvata durante la lettura. Solo per lui il libro merita di essere letto. E se io che sono allergica alle storie d'amore dolci e tenere sono riuscita a leggere e ad apprezzare almeno in parte questo libro vuol dire che merita sicuramente.


BELLO

8 commenti:

  1. Mi spiace che il libro non si sia rivelato all'altezza delle tue aspettative. Io invece non sono molto un tipo da "lacrime"... ma in realtà neanche le cose troppo dolci mi fanno impazzire. Al che la domanda del perché io legga romance sorge abbastanza spontanea. Ma ogni tanto non mi dispiacciono, per variare un po'. La Cole non sembra proprio essere tra le autrici maggiormente nelle mie corde, ma prima o poi proverò sicuramente un suo libro, un po' perché a forza di sentirne parlare sono diventata curiosa e un po' perché le sue cover sono fantastiche (e sì, lo so che non si dovrebbe giudicare un libro dalla copertina ma... sono superficiale!! ;P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà nemmeno io so perchè leggo romance, ogni tanto ne sento il bisogno, ma non deve essere troppo dolce e se ci sono dei drammi è meglio XD
      Non è un brutto libro questo, diciamo che sono abituata a YA un po' meno sdolcinati, ma resta un bella storia ogni tanto ci vuole qualcosa del genere (sempre colpa di cosa ci figuriamo in testa prima di legger!!)
      Anche io mi faccio attrarre dalle cover, non si fa lo so, ma ti capisco :P

      Elimina
  2. Mi fa piacere che nonostante le pecche che hai trovato ti sia piaciuto soprattutto perchè non è il tuo genere. Brava Jessica per averti convinta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si nel complesso sono felice di averlo letto :)

      Elimina
  3. Si vabbe, però io ti avevo avvisata fin dall'inizio con la mia recensione che l'epilogo non dovevi leggerlo, per forza poi ti si abbassano i voti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma se mi dici "non leggere l'epilogo" io sono curiosa e devo leggerlo per capire perchè non dovrei farlo, e poi posso lamentarmi che poteva evitare di scriverlo!

      Elimina
  4. Argh, quindi quando lo leggerò in autunno/inverno devo stare alla larga dall'epilogo? >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto per curiosità ma mi avevano avvertita di non farlo, davvero è inutile e rovina un po' il tutto...

      Elimina