giovedì 28 giugno 2018

LE CONFESSIONI DEL CUORE - Colleen Hoover

Ci sono periodi in cui ho proprio voglia di libri che sappiano coinvolgermi senza essere pesanti. Voi direte ci sono i romance per quello! Esatto. Peccato che io sia piuttosto allergica ai romance, in genere. Però la Hoover è una mia debolezza, con lei so di avere tra le mani un bel libro generalmente (ho amato alla follia 9 novembre anche se l'incastro (im)perfetto mi aveva lasciata un po' delusa) e così ho deciso di recuperare un altro dei suoi libri.

Titolo:  Le confessioni del cuore
Titolo originale: Confess
Autore: Colleen Hoover
Editore: Leggereditore
Pagine: 280
Trama: A soli vent'anni, Auburn Reed ha già dovuto dire troppi addii ed è convinta di aver perduto tutto ciò che conta nella vita. Mentre cerca di ricostruire un destino che sembra sfuggirle tra le mani, decide che non potrà permettersi di cedere a errori e debolezze, tantomeno in amore. Quando mette piede nello studio d'arte di Owen Gentry, qualcosa d'inatteso scombussola i suoi piani: Auburn viene travolta da un'attrazione profonda che non avrebbe mai immaginato di provare. Forse, la vita le sta regalando la possibilità di lasciarsi andare e ascoltare il cuore, e per la prima volta lei decide di correre il rischio, assecondando i propri sentimenti. Ma Owen, affascinante ed enigmatico, sta nascondendo qualcosa. Ci sono segreti sepolti nel suo passato, segreti che è meglio non escano allo scoperto. Nonostante l'uomo sappia che l'unico modo per non perdere Auburn sia condividere con lei ogni aspetto della sua vita, è consapevole che la verità, come l'arte, si presta a interpretazioni contrastanti, e una confessione, talvolta, può ferire più di una bugia...


__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __

Faccio una premessa su questa autrice, perchè questo libro è particolare. Esattamente così come con Forse un giorno qui troviamo un'arte che rende il libro quasi tridimensionale. Nella storia di Sydney e Ridge era la musica, c'erano proprio canzoni create appositamente per essere collegate al libro (anche se non mi sono mai preoccupata di cercarle perchè non era il mio genere). Qui invece abbiamo i quadri che sono raffigurati anche nel libro stesso. E a me questa cosa piace tantissimo, so che potrebbe essere una cosa inutile e superflua inserirli, eppure a me sono piaciuti per come sono stati creati e per quelle confessioni che rappresentano, soprattutto perchè viene incastrato perfettamente nella storia. Questa è una delle idee che più mi è piaciuta del romanzo.

Owen è un artista, è lui che dipinge queste particolare tele traendo ispirazione dalle confessioni che gli sconosciuti lasciano al suo studio. Ed è proprio lì che incontra Auburn, una ragazza che ha il suo stesso secondo nome -sarà il destino?- e che ha bisogno di un lavoro proprio in quella sera in cui lui ha un bisogno disperato di un'impiegata. La loro prima serata insieme inizia come un lavoro, e prosegue come un primo appuntamento. Il destino però è crudele, è chiaro che sono fatti per stare insieme, ma le circostanze non sono favorevoli, il loro passato li vincola a un presente diverso da quello che vorrebbero vivere. 

Inutile dirlo, la Hoover sa scrivere. Nel momento in cui inizi il libro sei trascinata all'interno della storia che per fortuna è a doppio PoV, cosa che adoro. E in ogni suo libro ci sono personaggi imperfetti che però cercano di fare la cosa giusta, protagonisti che hanno sofferto e che hanno costantemente il destino contro di loro. Anche in questo caso Owen e Auburn dovranno fare delle scelte difficili, facendo sacrifici enormi per poter sopravvivere. 

Auburn ha un passato emotivamente pesante, ha perso il ragazzo che amava a 15 anni e da allora non è più riuscita ad impegnarsi con nessuno, non ne ha mai sentito il bisogno (e qui già nelle pagine iniziale stai malissimo perchè vedi un amore profondo e vero svanire senza speranza).
«Ti amo tantissimo.» La sua voce è ansante e carica di paura. «Ti amerò per sempre. Anche quando non potrò.»
Piango ancora più forte alle sue parole. «E io ti amerò per sempre. Anche quando non dovrei.»
Però quell'uomo dai penetranti occhi verdi, che riesce ad esprime in colori i peccati e i sogni che gli vengono confessati da estranei, l'attira a sè in un modo mai provato prima, nemmeno con Adam. Sa che dovrebbe stare attenta, sa che non è una buona idea innamorarsi di qualcun altro. Eppure non può fare a meno di volere Owen. 

Owen è un uomo misterioso, ha segreti -o confessioni- che non è ancora pronto a svelare e forse non lo potrà fare mai. Ma Auburn Mason Reed è il suo destino, lui lo sa da molto prima che lei si presentasse alla porta del suo studio. Sa di meritare un amore così, ma ci sono quei segreti che glielo impediscono, e la situazione non potrà far altro che complicarsi una volta scoperto qualcosa di più su di lei.

La storia di Owen e Auburn mi è piaciuta tanto, non riuscivo a smettere di leggere, sono rimasta intrappolata nelle pagine e nei dipinti. Come sempre con la Hoover ci sono disperazione e sofferenza, ma c'è anche l'amore immenso per la famiglia e per l'anima gemella.
Non è una storia lineare, la trama non è complessa ma ci sono tanti ostacoli e tante coincidenze che la rendono movimentata. C'è un insta-love -più o meno- che di solito mi fa storcere il naso, ma in questo caso m'è piaciuto perchè sono tanto bellini insieme. Non è troppo sdolcinato, non è troppo romantico, e a parte qualche clichè è molto originale (il fatto di aver inserito i quadri lo rende quasi unico).
L'unica cosa che non mi fa dare 5 stelle è una situazione che è stata creata -e che ultimamente trovo spesso nei libri- per essere funzionale al resto della trama che altrimenti non si sarebbe potuta sviluppare così, ma quando ho letto quella cosa mi è caduto un po' l'idillio. So che è un problema mio, ma certe cose le sopporto poco, mi fa sbriciolare le stelline così. 

Insomma un libro quasi perfetto che mi conferma ancora una volta che la Hoover sa scrivere romance che mi piacciono. 

13 commenti:

  1. Come sono contenta ti sia piaciuta <3 <3
    Io adoro tantissimo quest'autrice e questo libro è bellissimo.
    La serie non mi è dispiaciuta ma il libro è un'altra cosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la Hoover non mi delude (quasi) mai per quello che ho letto finora <3

      Elimina
  2. Ciao! Ho già sentito parlare dell'autrice, ma non ho letto nulla di suo :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una delle poche autrici romance di cui mi fido!

      Elimina
  3. Sento sempre parlare benissimo di Colleen Hoover... alla fine mi toccherà darle una possibilità XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si alla Hoover si, te la consiglio!

      Elimina
  4. Ciao, non sono una grande amante dei romance, al contrario, è molto difficile trovarne uno che mi piaccia. Ci sono alcune cose che devono essere presenti, tra cui un lungo periodo di conoscenza e frequentazione prima del primo bacio e gesti affettuosi e dolci in generale. Delle cose che invec non sopporto sono l'insta-love, che purtroppo è presente in questo romanzo, ma è così evidente? Dà fastidio? Inoltre non sopporto i bad boys, non ne posso pi§ di vederli in ogni libro romance e in genere hanno sempre un carattere aggressivo e trattano malissimo la protagonista, comportamento in genere motivato dal loro passato di sofferenza...si, si, non è un buon motivo.
    Con queste premesse. me lo consiglieresti? Pensi che potrebbe piacermi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà nemmeno io amo il romance come genere, ma in estate ne leggo di più perché sono meno impegnativi. Detto questo la Hoover mi piace perché nelle storie d’amore cerco la sofferenza e con lei sono sicura di trovarla. Non conosco bene i tuoi gusti ma da quello che mi dici (e senza fare spoiler) posso dirti che il cattivo ragazzo non è davvero cattivo sotto sotto e non tratta male lei, mai, assolutamente. L’insta-love c’è e non c’è... non posso spiegarmi meglio senza raccontarti tutto! Fossi in te gli darei una possibilità, ma della Hoover ti consiglio 9 novembre o Forse un giorno che a me sono piaciuti più di questo.

      Elimina
    2. Va bene, grazie mille.
      "9 Novembre" ce l'avevo in Wishlist, adesso mi metterò a cercarlo.

      Elimina
  5. Forse l'unico libro della Hoover che mi è piaciuto completamente!

    RispondiElimina
  6. adoro, adoro, adoro la hoover! Questo libro mi manca però. Io ho iniziato con l'incastro (im)perfetto, che ho letto, a te ha un po' deluso. A me invece è piaciuto molto, ma non avevo ancora letto altro di suo! Ora il mio preferito è forse un giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace tanto come autrice :)
      Forse un giorno è bellissimo, mi era piaciuto davvero tanto! L’incastro imperfetto per me non era niente di speciale è un romance molto classico, oramai quando leggo i suoi libri cerco i drammi xD

      Elimina