lunedì 22 maggio 2017

A DARKER SHADE OF MAGIC - V.E.Schwab

Quando penso a Londra, mi vengono in mente subito dei colori, il grigio, con le relative sfumature di bianco e nero, e il rosso anche. Immaginate questo libro esattamente con questi colori, grigio, rosso, bianco e nero. Sono questi i colori di Londra nel mondo di Kell, anzi, delle Londre parallele che esistono.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Titolo:  A darker shade of magic
Autore: V.E.Schwab
Editore: Titan books
Pagine: 400
Trama: Most people only know one London; but what if there were several? Kell is one of the last Travelers - magicians with a rare ability to travel between parallel Londons. There's Grey London, dirty and crowded and without magic, home to the mad king George III. There's Red London, where life and magic are revered. Then, White London, ruled by whoever has murdered their way to the throne. But once upon a time, there was Black London...





- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Kell è un viaggiatore di mondi, è uno dei pochissimi in grado di farlo, un Antari; lui possiede la magia nel sangue che permette di creare portali per passare attraverso le quattro Londre parallele che esistono, anche se lui è originario della Londra Rossa, quella che convive con la magia.

È il primo personaggio che incontriamo, uno di quelli fondamentali, uno di quelli indimenticabili; col suo cappotto dagli innumerevoli lati che si trasforma a seconda della Londra in cui di trova, col suo occhio blu e l’altro completamente nero, col suo profumo di fiori e il suo amore per il contrabbando di oggetti tra i mondi, è impossibile non  restare affascinati da Kell. 

Per lui la magia è una cosa viva, è una compagna di vita, da sempre. Anche se non ricorda tutto del suo passato, c’è un buco di diversi anni nei suoi ricordi -cancellati- sa che la magia ha sempre fatto parte di lui.


Magic was a living thing -that, everyone knew- but to Kell it felt like more, like a friend, like family. It was, after all, a part of him.

Ma l’altro Antari, l’unico altro viaggiatore di mondi, come Kell all'apparenza ma completamente differente in realtà, Holland, la pensa in modo diverso sulla magia; per lui è controllo, se non riesci a controllarla sarà lei a controllare te.

“I warned you, magic is not about balance. It is about dominance. You control it, or it controls you”.

Se Kell è affascinante e intrigante, Holland “Hollow” è spaventoso. Proviene dalla Londra Bianca, la più inquietante, la più affamata di magia, la più debole, quella che fa rabbrividire, quella ingorda di potere; lui non profuma di fiori come Kell, ma odora di cenere e sangue, come la sua città.

E poi ovviamente c’è Lila. Un personaggio femminile degno di nota, che mi è piaciuta tantissimo (e io di solito difficilmente apprezzo tanto un personaggio femminile eh). Lei fa parte della Londra grigia, quella città che ignora l’esistenza delle altre Londre e della magia (molto simile alla nostra), a parte qualche eccezione, come Lila, che sente che oltre al loro mondo c’è altro
Lei è una ragazza sola, forte, che si finge uomo per sopravvivere in un mondo difficile, ma che è stufa di questa vita grigia, appunto. Quando Kell si affaccia nella sua vita, incasinandogliela mica poco direi io, lei non esiterà a seguirlo, perché vivere un’avventura è quello che ha sempre sognato, anche se è rischioso, anche se seguirlo significa metter in gioco la propria vita…

“Im’m not afraid of dying. But I am afrid of dying here.” She swept her hand over the room, the tavern, the city. “I’d rather die on n adventure than live standing still.”

Ho amato tantissimo questo libro, nonostante l’inglese all’inizio sia un tantino complesso (bisogna prenderci la mano insomma), ho davvero letto con piacere la storia, grata anche del fatto che i capitoli sono brevi ed è suddiviso in diverse parti, proprio come piace a me. 

Mi piace tantissimo lo stile dell’autrice, i toni cupi e misteriosi della storia e dei luoghi descritti. L’idea delle diverse Londre è geniale, la Londra Bianca poi, e i suoi sovrani, mi hanno fatto venire i brividi. Mi piace come è strutturato questo mondo, questi mondi, così come mi piace la magia creata dalla Schwab. 
Qui la magia è viva, non è solo un incantesimo recitato, è sangue e sacrificio, è oscura e pericolosa, tanto da divorare un’intera città, la famosa Londra Nera (quella che tutti credono una semplice favola della buonanotte).

Non c’è stato un personaggio che non mi sia piaciuto, Kell e Lila sopra ogni cosa, ma anche Holland e Rhy, per non parlare dei gemelli Dane. Non c’è niente che non mi sia piaciuto, davvero.

La storia è molto semplice come svolgimento tutto sommato, molto lineare, ma è talmente particolare l’ambientazione  e perfetti i personaggi che non puoi non rimanerne affascinato ed innamorarti di loro.


Il finale è quasi conclusivo, nessun cliffhanger che toglie il respiro, si chiude la storia seppur con qualche spiraglio per il seguito. Seguito che a questo punto non posso non leggere, a breve, perchè è un mondo che adoro e devo sapere cosa succederà a questi personaggi indimenticabili. 


6 commenti:

  1. Be', cosa ne penso già lo sai (te l'ho detto che ieri ho iniziato il secondo??:P): amo Lila, Kell ma soprattutto Holland*-* E non vedo l'ora di vedere in azione la Londra Nera perchè, diciamocelo, lo sappiamo tutti che andrà a finire cosìxD
    Belle poi le immagini, mi piace un sacco quella dedicata alle quattro Londre*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che tu hai un'amore incondizionato per Holland, ma io preferisco Kell. Entrambe amiamo Lila però! Pure io non vedo l'ora di vedere Black London, a conti fatti è quella che non è ancora stata descritta opportunamente! XD
      Appena ho visto quella foto ho pensato di usarla perchè è stupenda! <3

      Elimina
  2. Ciao!!! :)
    Ho sentito tanto parlare bene di questo libro, e vorrei tanto leggerlo. Purtroppo ho paura che non riuscirei a trovare piacere nella lettura dato che é in lingua originale :/
    Comunque mi incuriosisce molto, e spero che lo traducano *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! E' davvero tanto tanto bello secondo me! So che arriva anche in Italia, non so quando e con che CE ma arriva. Avevo paura anche io di non capire troppo in inglese ma una volta superato i primi capitoli si entra nella storia e nel linguaggio ed è stupendo! *_*
      Però sempre della Schwab tra poco uscirà This Savage Song per Giunti! ;)

      Elimina
  3. L'ho appena finito e concordo con la tua recensione. Il libro mi è piaciuto moltissimo ma ho un dubbio! Magari tu puoi aiutarmi a dissiparlo. ATTENZIONE PICCOLO SPOILER






    Ma perché i sovrani di Londra Bianca hanno dato la pietra a Kell? Questa è la cosa che non mi spiego...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisse, non sei la prima a chiedermi questa cosa ma dato che è passato un po' di tempo (e mi ricordo meglio il secondo che ho letto più recentemente) mi son dovuta informare un secondo perchè a memoria non avevo le idee chiare..

      spoiler
      .
      .
      .
      .
      .
      .
      .
      Secondo me, credo anche di aver trovato la citazione da qualche parte, i Danes danno la pietra a Kell in modo che se qualcosa fosse andato storto la colpa del disatro sarebbe ricaduta su Kell e Red London invece che su di loro....

      Però se vuoi che ne parliamo meglio scrivimi su facebook quando vuoi! ^_^

      Elimina