giovedì 10 maggio 2018

SENZA NESSUN SEGRETO - Leylah Attar

Io che leggo un dark romance? No, non sono impazzita. Fa parte della mia famosa sfida con Jessica che mi sta propinando ogni genere di romance possibile (il mese scorso mi ha abbuonato il nuovo libro di Bianca Marconero). Questa è la prima volta che leggo un libro di questo genere, e sebbene ci siano cose che mi sono piaciute ce ne sono altre che non mi hanno convinta del tutto.

Titolo:  Senza Nessun Segreto
Titolo originale: The Paper Swan
Autore: Leylah Attar
Editore: Newton Compton Editori
Pagine: 352
Trama: Un normale giorno di shopping sta per trasformarsi in un incubo per Skye Sedgewick. A un passo dalla sua macchina nel parcheggio viene rapita e narcotizzata. Poco dopo sembra arrivata la sua fine: lo sconosciuto la costringe a inginocchiarsi e le tiene puntata una pistola alla tempia. Skye aspetta che parta il colpo mentre recita la preghiera che l’aiutava a dormire da bambina, ma riceve solo un fortissimo colpo alla testa che la tramortisce. Al suo risveglio, l’incubo è ancora al suo fianco, ha i lineamenti scolpiti e uno sguardo impenetrabile. Chi è quest’uomo e perché le è così familiare? Questo è solo l’inizio di una storia sconvolgente, una tempesta di emozioni violente e di sentimenti che travolgono il lettore sin dalle prime pagine. Un romanzo d’amore epico, oscuro e indimenticabile.


__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __


Non sono un'esperta del genere, per cui non posso giudicare nè se rientra o meno nei canoni del dark romance, nè tanto meno posso fare paragoni con altri libri perchè è la prima volta che ne leggo uno. Certo ho visto film o serie tv che trattano più o meno certi temi, ma come sempre, cercherò di limitarmi alla storia in sé.

Skye è la tipica ragazza ricca e viziata, che passa le sue giornate facendo shopping, non ha grossi problemi nella vita almeno fino a quando non viene rapita e le viene puntata una pistola alla testa. Però il suo assassino in qualche modo decide di risparmiarla, il suo rapitore non l'ha uccisa, ma la sta portando da qualche parte su una barca e di certo non è per una vacanza. Cosa vuole da lei? Chi è lui? E perchè è così familiare il suo sguardo intenso e magnetico? La vita di Skye si trasforma improvvisamente in un incubo, quest'uomo non parla, non le dice nulla, la mantiene in vita e si diverte a torturarla con i suoi silenzi e i suoi modi bruschi, e lei suo malgrado, non può che esserne spaventata ed attratta allo stesso tempo.

La prima parte della storia è molto classica, una ragazza rapita per motivi ancora sconosciuti, con un rapitore affascinante ed estremamente familiare che scatena in lei sentimenti contrastanti, è possibile provare certe emozioni per il proprio aguzzino? 

Credo che questo sia molto "tipico" come scenario, infatti non mi ha presa poi così tanto questa prima parte al presente, leggevo quasi per inerzia

La seconda parte invece mi è piaciuta di più, racconta il passato di lui, i motivi per cui ha deciso di rapire Skye, e l'ho trovato decisamente più interessante. In questa seconda parte mi sono immersa di più nella storia, mi ha fatto appassionare ed incuriosire nonostante il contesto e l'ambientazione non rientrino troppo nei miei canoni.

Peccato però che da metà libro in poi tutto diventi un po' troppo prevedibile, la curiosità che avevo per certe situazioni si affievolisce, ho continuato a leggere giusto per vedere come si concludeva il tutto e per vedere quante cose ho indovinato sul finale. 

Non mi è piaciuta particolarmente Skye, è un clichè ambulante, e l'ho trovata piuttosto stupida, ma credo sia volutamente così, almeno lo spero. Damian mi intrigava di più, mi sono immedesimata più in lui che in lei sinceramente, mi è piaciuta la sua oscurità e la sua lotta contro di essa. La storia di lui, il suo background mi è piaciuto, è ben strutturato come personaggio, il suo passato lo ha reso l'uomo che è ora. 

La parte di romance è a tratti un po' assurda, ma se si sorvola certe situazioni e le si da come dati di fatto è anche carina vista nel complesso. La fine poi è piuttosto scontata, tanto che non volevo crederci, ma anche lì ci sono cose che mi sono piaciute poco che hanno tolto un po' di credibilità alla storia. 

Lo stile mi è piaciuto abbastanza, è piuttosto scorrevole e si arriva in fretta alla fine, anche se forse le scene hot potevano essere fatte e soprattutto descritte meglio. Per fortuna il romance non si basa solo su quelle, c'è anche una parte di amore e sentimenti più o meno scontata e più o meno realistica che messa insieme alla parte del rapimento rende il libro comunque interessante. 

L'ambientazione mi è piaciuta poco, non perchè fosse fatta male ma perchè è relativa ad un contesto che non mi attira molto anche nei film per cui quello è più un problema mio ma si aggiunge al gradimento totale del libro che è già scarso di suo. 


Nel complesso è una storia che poteva essere fatta decisamente meglio, magari con una protagonista un pochetto più interessante e meno stereotipata. Ma è uno di quei libri perfetti da alternare a storie più pesanti e impegnative, che va letto senza grandi aspettative.
Non sono rimasta totalmente insoddisfatta dalla storia (altrimenti non l'avrei mai e poi mai finito di leggere) ma non mi ha nemmeno convinta più di tanto, non escludo di leggere ancora un dark romance in futuro, ma di certo non rientra nelle mie priorità.

Ero molto indecisa su quante stelline dare, 3 mi sembravano troppe, ma 2 troppo poche... per cui ho optato per una via di mezzo anche se non mi piace troppo  dare i mezzi voti.

8 commenti:

  1. Ho letto il primo spoiler e credo di non aver ancora raccolto la mandibola da terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la vendetta e il cattivo di turno ci stanno, siamo in un dark romance, ma cavolo, lo vai a dire a una bimba di 8 anni? Ma no!! Insomma, poteva andare meglio come lettura XD

      Elimina
  2. Pensa che l'ambientazione invece è ciò che mi è piaciuto di più perché è diversa dal solito per questo genere xD
    Comunque ho ancora qualche titolo nella manica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è un problema mio perché non mi piace il contesto, però vabbè, in un’altra futura sfida puoi sempre propinarmi altri titoli dark U.U

      Elimina
  3. Anche io non vado pazza per questo genere, ma ogni tanto è bene uscire dalla propria comfort zone per spaziare in altri generi letterari. Anche se io questo non lo leggerò eheheh
    Ti ho nominata qui http://alberidalibro.blogspot.it/2018/05/booktag-my-world-award-2018.html. Se ti interessa mi farebbe piacere leggere le tue risposte:)
    A presto, Nik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik e grazie mi fa tanto piacere ^_^
      Passo a vedere subito :)

      Elimina
  4. Ho smesso di apprezzarlo dopo che lui fa quella cosa (che hai detto nel primo spoiler) e lei lo perdona così, come se non avesse fatto chissà cosa, anzi, non vede l'ora di saltargli addosso! Già a me da fastidio che si perdoni la violenza fisica con noncuranza (mi hai pestato a sangue perché hai avuto un passato difficile? Povero tesoro, ti perdono subito) ma se fai una cosa del genere il mio perdono lo trovi in fondo allo scarico del water.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà essendo un dark romance credo che certe cose si debbano fare e poi perdonare, se no cadrebbe in un altro genere. A me ha dato proprio fastidio il dire certe cose a una bimba e tutto il contesto finale... insomma, questo dark romance no, in futuro un altro forse...

      Elimina