lunedì 9 aprile 2018

REVIEW PARTY - WARCROSS - Marie Lu

Buongiorno e buon lunedì, l'inizio della settimana è sempre difficile, soprattutto per chi lavora e deve alzarsi presto. Per rallegrare questa giornata piovosa (almeno dalle mie parti) oggi vi parlo di un libro bellissimo che ho amato. Con la mia recensione di oggi inizia il Review Party per Warcross edito da Piemme che ringrazio infinitamente per la copia omaggio (e grazie anche a Jessica per aver organizzato tutto questo <3).




Titolo: Warcross
Autore: Marie Lu
Editore: Piemme
Pagine: 323
Trama: La mania ha preso piede dieci anni fa, e oggi Warcross conta milioni di fan in tutto il mondo. Per alcuni rappresenta una via di fuga dalla realtà, per altri una fonte di profitto. La giovane hacker Emika Chen sbarca il lunario braccando i giocatori entrati nel giro delle scommesse illegali. Ma l'ambiente dei cacciatori di taglie, oltre a essere pericoloso, è molto competitivo. Sempre al verde, per racimolare una somma di denaro di cui ha urgentemente bisogno, Emika hackera la partita inaugurale del Campionato di Warcross e, senza volerlo, si ritrova dentro il gioco. È certa che il suo errore le costerà l'arresto, e l'ultima cosa che si aspetta è la telefonata del creatore di Warcross, l'affascinante miliardario giapponese Hideo Tanaka, con una proposta impossibile da rifiutare. Un volo per Tokyo ed Emika si ritrova catapultata nel mondo che fino a quel momento aveva solo potuto sognare. Ma presto le sue indagini sveleranno l'esistenza di un oscuro complotto le cui implicazioni vanno ben oltre i confini dell'universo di Warcross. In questo thriller fantascientifico il lettore ritroverà le atmosfere distopiche di Ready Player One e Hunger Games, in un mondo dove la più grande scommessa è scegliere di chi fidarsi.

__ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __ __

Warcross non è solo un gioco. Questa è la cosa più importante da dire. Nel mondo di Emika tutti, ma proprio tutti, sono in grado di entrare in Warcross tramite appositi occhiali -NeuroLink- che ti immergono in una realtà virtuale in cui il giocare diventa quasi relativo. Warcross infatti è un mondo virtuale, dove tutti possono diventare chi vogliono, vivere come vogliono ed ovviamente -anche- giocare. Warcross è a tutti gli effetti uno stile di vita, una realtà aumentata che permette di sognare e che è diventato parte della quotidianità di chiunque sul pianeta. 
C'è ancora gente convinta che Warcross sia un gioco stupido. Certi, invece, lo considerano una rivoluzione. Per me, e per altri milioni di persone, è l'unico modo infallibile per dimenticare i propri guai.
Ma ovviamente di base c'è anche il gioco, ci sono pure squadre professioniste e tornei mondiali, ed è proprio durante la partita inaugurale del Torneo che Emika viene scoperta per aver hackerato il gioco. Avendo già precedenti penali, e non potendo accedere a Warcross ufficialmente, lei è certa che ora verrà punita, arrestata o peggio. Invece il suo giochetto le farà guadagnare l'opportunità di lavorare direttamente per Hideo Tanaka, il suo idolo, l'uomo più ricco e famoso al mondo, l'inventore di Warcross. Inizia così per lei un'avventura incredibile, catapultata a Tokyo, dovrà indagare per conto di Hideo fingendosi una giocatrice e venendo addirittura scelta per entrare nella squadra dei Phoenix Riders come wild-card. Ma non sarà un lavoro facile, dovrà scoprire senza essere scoperta, seguire senza farsi notare e nel contempo impegnarsi in un gioco a livelli professionali per non far saltare la sua copertura, e alla fine scoprirà di essere invischiata in qualcosa decisamente più imponente di un semplice gioco.

Questo libro è qualcosa di speciale, ti fa immergere in questa realtà virtuale che è descritta talmente bene da sembrare vera, il gioco -ma in generale tutto il mondo di Warcross- sono creati in modo da poter esistere sul serio. 

E' un libro dove la fantascienza la fa da padrona, tutto è virtuale, tecnologico, connesso, a tratti incredibile. Tokyo -che già nella realtà una città tecnologicamente avanzata- qui è ancora più futuristica, ogni cosa che fa ti fa guadagnare punti per Warcross, è integralmente connessa alla realtà aumentata, impossibile non rimanerne affascinati da questa ambientazione che ti lascia a bocca aperta e con il desiderio di poterla vivere sul serio.
Nel mondo, chiunque è collegato in qualche modo a chiunque altro.
Nella parte finale poi, questa componente fantascientifica sfocia in una distopia spaventosa, la Lu non è nuova a questo genere, ma qui rasenta davvero i brividi (come ogni distopia che si rispetti secondo me, deve spaventare), e io ho amato questa cosa, anche per il modo in cui si arriva a questo finale.
Tutto è fantascientifico finché qualcuno non lo trasforma in scienza.
Nonostante ci siano molti riferimenti a videogame, anime, computer, fantascienza ecc non è un libro destinato solo al pubblico nerd. Certo, io adoro quel genere di cose e sono piuttosto esperta del genere, per cui durante la lettura mi sentivo a casa, ma la Lu spiega talmente bene il mondo e il suo funzionamento che non bisogna avere alle spalle chissà quale esperienza per capire, è assolutamente accessibile a tutti. 
Come in ogni sci-fi che si rispetti bisogna abituarsi alla realtà di Warcross; all'inizio c'è da capire le regole e gli strumenti che caratterizzano questo mondo, come ad esempio lo svolgimento del gioco, ma una volta capito il meccanismo -che non è affatto complicato- si viene totalmente catapultati nella storia e tutto diventa naturale.

Se l'ambientazione e il mondo futuristico del libro sono decisamente uno dei punti di forza, lo sono altrettanto i personaggi. 
Emika è una protagonista femminile che ho amato, non è la classica eroina perfetta, ha un passato difficile alle spalle, ha perso suo padre e non naviga in buone acque, Warcross per lei è la via di fuga dai problemi quotidiani. Eppure è l'eroina che piace, è sempre combattiva, determinata, forte. Tutto per lei ha una soluzione, secondo lei c'è una chiave per ogni porta, e l'offerta di Hideo è forse la sua via d'uscita da una vita di stenti. Anche quando le cose inizieranno a prendere una piega pericolosa, lei farà sempre la scelta più difficile, quella di restare e combattere.
Hideo invece è un personaggio molto misterioso, è riservato, chiuso e solo; sembra sempre nascondere qualcosa persino alla stessa Emika con la quale si aprirà almeno un pochino. Posso dire di aver indovinato qualcosa su di lui, anche se chiaramente non posso dire cosa, ma sono molto soddisfatta di quello che ho azzeccato. Però non mi ha fatta impazzire proprio per questa sua freddezza, forse è proprio così che doveva risultare, ma diciamo che non mi ha fatto battere il cuore come ha fatto per Emika.
Anche tutti gli altri personaggi sono fatti bene, non sono solo di contorno ai protagonisti, ma partecipano attivamente alla sviluppo della trama e sono tutti molto reali e vivi, impossibile non affezionarsi a loro. Uno di quelli che mi incuriosisce di più si scopre solo alla fine, e ho davvero grandi speranze per lui.

La storia poi è qualcosa che ti tiene incollata alle pagine fino a che non arrivi alla fine. Sin da subito mi sono rispecchiata almeno un po' (ok, lo ammetto, tanto) in Emika, ed è stato impossibile per me non appassionarmi alla trama, che è un alternarsi di azione, gioco, indagine e mistero. Non manca nemmeno un tocco di romance, ma tutto resta nei limiti della categoria "young adult" senza mai venire troppo approfondito e senza mai togliere nulla alla parte d'azione. 
Ogni capitolo riserva sorprese e nulla è scritto per caso, tutto è funzionale alla storia, che alla fine "esplode" e ti lascia i brividi per come si sviluppa senza contare il cliffhanger allucinante che ti fa dire "E ORA IL SEGUITO DOVE STA?".

Se non si fosse capito, ho amato questo libro in quanto nerd, l'ho amato in quanto ragazza (finalmente un'eroina degna di questo nome), l'ho amato in quanto amante dei misteri e del mondo in cui è ambientato tutto. 
Conoscevo già la Lu e il suo stile per aver letto la trilogia Legend, e posso decisamente affermare che con questo nuovo libro si annovera tra una delle mie autrici preferite. 

Sono certa che il secondo sarà ancora migliore di questo, ci sono risvolti davvero interessanti sul world-building (che mi hanno ricordato tanto un anime che amo) soprattutto perchè ora siamo in piena distopia, prevedo tanta azione in più, sia virtuale che reale, e non vedo l'ora che arrivi.

E voi che aspettate ad entrare in Warcross?

Vi ricordo inoltre le prossime tappe del Review Party e i relativi blog.

09/04 L'ENNESIMO BOOK BLOG
16/04 LOVING BOOKS

18 commenti:

  1. Ma neanche a me Hideo ha fato battere il cuore, non lo so... era troppo ambiguo e distaccato.
    Anch'io voglio un sacco di azione nel secondo *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, più che Hideo io ero affascinata da Zero, forse perchè più misterioso?! Come oramai avrai capito dal secondo voglio tanta azione e il triangolo "stile Mafi" XD

      Elimina
  2. Invece a me inizialmente piaceva Hideo, mi ha un pò deluso invece il mistero sull'identità di Zero perchè troppo prevedibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'identità di Zero era prevedibile, in generale non c'è qualcosa che mi ha davvero sorpresa, mi aspettavo certe cose, per questo ho dato 4 stelle. Ho grandi speranze per il prossimo libro, mi aspetto azione, sorpresa e qualche dettaglio in più sul passato di Zero :D

      Elimina
  3. Parah <3
    Come hai detto tu, leggere questo libro per otaku nerd come noi equivale a tornare a casa. Mi sono proprio divertita a leggere e a ritrovare cose che mi sono assolutamente familiari, per non parlare dello stile di scrittura della Lu che mi era davvero mancato. Profondo Gaudio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parah <3
      Come libro è decisamente nelle nostre corde e rispecchia appieno quello che amiamo noi. Speriamo che la Lu ci accontenti con Wildcard, perchè tu sai cosa voglio io. Sarà MISERICORDIOSA?

      Elimina
  4. Voglio leggere altro di Marie Lu dai tempi di Prodigy (ahimè, non ho mai finito la trilogia di Legend, ma i primi due volumi mi erano piaciuti parecchio!). Comunque Warcross mi sembra interessante. Ci farò un pensierino sicuramente ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzi tutto finisci la trilogia che merita XD
      Warcross è decisamente molto più sci-fi di Legend ma è sempre in stile Lu, per cui se ti piace lei, credo ti piacerà anche questo libro (e poi la copertina è favolosa).

      Elimina
  5. Boh, son passati tre giorni e non so con cosa commentare di diverso da tutto quello che già ti ho detto in chat. Dov'è Wildcard?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questo è stato detto in chat U.U
      Ma lo vogliamo subito comunque.

      Elimina
  6. Hideo mi ha lasciato un po' di amaro in bocca, ho bisogno di conoscerlo meglio. VOGLIO IL SEGUITO, ORA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne voglio sapere di più su Zero io, e pure io esigo il secondo. Tipo, adesso!

      Elimina
  7. WOW CHE RECENSIONE *^* Hai davvero reso giustizia al libro, complimenti!
    Comunque sono anche io rimasta affascinata da come questa tecnologia influenzi la vita delle persone in ogni piccolo aspetto, più del gioco stesso. Io spero che la Lu faccia un buon lavoro con Hideo, niente cose risolte alla tarallucci e vino, voglio il drama, l'angst e altri colpi di scena, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie <3
      Anche io spero vivamente che il prossimo mi stupisca ancora di più, voglio un libro con più azione, con più segreti dal passato e con più angst. Ci capiamo.

      Elimina
  8. Wow recensione stupenda complimenti!! Avevi proprio ragione, sicuramente lo inseirò nella mia lista di libri da leggere al più presto! Ti faccio ancora i miei complimenti, adoro il modo in cui scrivi le tue recensioni e quello che riesci a trasmetterci! Grazie della dritta, ti terrò aggiornata se piacerà anche a me la lettura :)
    -Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è sempre bello sentirsi dire queste cose ^_^
      Spero che saprà conquistare anche te come è successo a me!
      Aggiornami assolutamente :)

      Elimina