lunedì 15 gennaio 2018

Parlando di... PREQUEL

Per iniziare bene la settimana oggi vi voglio proporre un argomento di discussione che trovo molto interessante, non voglio aprire nessun genere di polemica ma mi piacerebbe avere un confronto sui PREQUEL. Il mio discorso è principalmente basato sui libri, ma volendo può essere esteso anche a serie tv e film.


Ultimamente sto leggendo quasi esclusivamente libri facenti parte di una serie e mi rendo conto -anche sbirciando i vari blog che seguo- che ora i prequel vanno molto di moda.

Spesso dopo la pubblicazione di un volume/trilogia/serie viene fatto un altro libro (o come in Shadowhunters Le Origini che ho ora in lettura, una trilogia intera) ambientato prima della serie originale che ci spiega degli antefatti su storia e/o personaggi del filone principale.



La mia prima domanda è quasi tecnica... perchè scegliere di fare un prequel? Quanto sono necessari? Sono davvero sempre utili? Non sto criticando i prequel, io sono una di quelle lettrici che legge ogni novella e ogni volume di una serie, a volte mi piacciono addirittura più dei libri iniziali (vedi Black Friars). 
Ma a livello di storia non sempre servono, a volte sembra vengano fatti solo perchè va di moda. Penso sia normale che durante la stesura di un romanzo salti fuori un aspetto che lo scrittore decide di approfondire a cui prima non aveva pensato e quindi decida di creare il volume prequel. Credo anche che in certe storie sia proprio necessario avere questi antefatti, ma in altre forse è da evitare. 

Vi faccio un esempio, nella serie Dark Elements della Armentrout il prequel l'ho trovato poco più che un racconto quasi inutile, carino sì ma non indispensabile a fini della serie. 


L'altra domanda fondamentale è in che ordine devo iniziare a leggere? E' indifferente? Cambia caso per caso? Quando ci si imbatte in una serie in corso per forza di cose segui la pubblicazione, ma se sei di fronte a una serie conclusa dove inizi?

Vi faccio due esempi per capirci meglio. La serie di Black Friars l'ho letta in ordine di pubblicazione mentre per Shadowhunters sono partita dalle Origini seguendo l'ordine cronologico della storia (differente da quello della pubblicazione). 

Ho fatto bene? Personalmente credo proprio di sì.

Ci sono cose che nel prequel spesso vengono date per scontate perchè già note dai libri già pubblicati che però restano ignote a chi parte senza quelle basi  e che quindi possono infastidire. Ad esempio la Città Silente in Shadowhunters. Non avendo letto Città di Ossa non sapevo cosa fosse quando mi ci sono imbattuta nell'Angelo, per cui ho chiesto a chi conosce la serie cos'era la Città di Ossa per non spoilerarmi il mondo in rete. Però credo giusto aver iniziato dall'ordine cronologico anche perchè come epoca la preferisco.

Ma ci sono anche volte in cui vengono spiegate certe cose in modo approfondito solo nel prequel, legami che sono più chiari solo lì. Anche qui vi faccio un esempio. Nella serie Black Friars ho capito meglio il legame Eloise/Axel nell'Ordine della Chiave rispetto al primo volume letto che è l'Ordine della Spada che mi aveva lasciato con le idee confuse. Grazie al secondo volume pubblicato, che è antecedente alla Spada come fatti narrati, ho risolto molti dei miei dubbi e iniziato ad amare la storia.

Secondo me occorre quindi valutare caso per caso, non tutte le storie sono uguali ci sono volte in cui è conveniente leggere in ordine cronologico di trama e altre in ordine di pubblicazione. 




Mi rendo conto di aver scritto un post infinito ma i concetti fondamentali sono pochi, voi cosa ne pensate? Al mio segnale, scatenate l'inferno.

10 commenti:

  1. Complimenti per il post, è stata una lettura interessante e direi che mi ritrovo in quello che hai detto. Personalmente non sono una fan dei prequel, più che altro perché adesso sono diventati di moda... ci sono serie che prevedono dei prequel, perché è il modo in cui sono strutturate, ci sono serie in cui i prequel sono interessanti perché aggiungono davvero qualcosa alla storia, ma quando iniziano ad uscire intere serie prequel ad altre serie la cosa mi puzza troppo di trovata commerciale e non ne sono più tanto contenta... però le cose vanno sempre valutate caso per caso, come dicevi tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è un post che ci tenevo a fare :)
      Esatto, c'è da valutare caso per caso. Io tendo a leggerli sempre, vuoi perchè amo la storia o l'autore, vuoi perchè voglio avere "il quadro completo" però non sempre li trovo utili perchè ultimamente stanno diventando quasi solo mosse commerciali.

      Elimina
  2. Commentare questo post, dopo l'ultima discussione avvenuta da altre parti, mi fa assai strano (e ridere).

    Io credo che ogni serie, vada letta in base all'anno di pubblicazione. Vero che i prequel sono fatti per spiegare nel dettaglio determinate dinamiche (situazioni o relazioni) ma secondo me, vanno a condizionare molto la lettura dei veri libri.
    Ti faccio un esempio.

    Quasi tutti conosciamo, anche solo di vista, i libri di Sarah J. Maas.
    Quando nel 2013 uscì il primo, lo comprai subito. Poi trovai i cinque prequel e partii da loro, anche perchè avevo bisogno di letture veloci.
    Mi sono piaciuti, li ho trovati molto scorrevoli ma adesso, provo un profondo odio verso la protagonista perchè so quello che le è successo prima che lei accettasse l'offerta del Re. Se fossi partita dal libro, avrei potuto magari creare un filo empatico con lei ma no, ora non riesco nemmeno ad iniziarlo.

    I prequel spesso nascono dalla necessità di approfondire qualcosa e ancora più spesso, nascono perchè vengono richiesti dai lettori. Un pò per soldi, un pò per non deludere nessuno, gli scrittori creano questi racconti brevi pieni di dettagli che cronologicamente parlando, sarebbero si da leggere prima ma non essendo veri libri, peccano di dettagli della storia. Molto spesso, per quanto belli, non ti permettono di legare con nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come molte altre cose questo post è praticamente nato da una situazione che conosci benissimo e che ci fa ridere (per non piangere).
      Comunque, per me non sempre vanno letti in ordine di pubblicazione, dipende. L'esempio che fai tu non lo conosco perchè non mi ispirano troppo di partenza quei libri lì XD
      Non tutti i prequel sono corti dai, a volte sono libri interi non solo racconti. Per questo occorre valutare perchè al giorno d'oggi se ne trovano un po' di tutti i tipi...

      Elimina
  3. Quanto mi piace questo post!
    Leggendo più stand-alone che serie vere e proprie, mi è capitato raramente di imbattermi in prequel - però ho notato che quando capita leggo il tutto in ordine di pubblicazione, anche se cronologicamente avvengono prima.
    Il mio istinto sarebbe quello di leggerli nell'ordine cronologico in cui gli eventi si snodano perché dopo temo sempre di non riuscire ad "incastrare" suddetti eventi se li leggessi invece nell'ordine in cui sono stati pubblicati, ma per evitare eventuali "sorprese" mi astengo.
    Spesso però ritengo che siano trovate commerciali - non sempre, ma in buona parte.
    Ammetto che sicuramente il libro che ho acquistato mesi fa dedicato a Gotham e che funge da prequel all'omonima serie televisiva - a sua volta prequel della storia di Batman - è una trovata commerciale (non l'ho ancora letto, ma racconta la storia di Thomas Wayne prima che lui e sua moglie vengano assassinati), ma a questi tie-in proprio non so resistere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io trovo che spesso siano solo mosse commerciali, però come te non riesco a resistere, ho presente il libro di Gotham e sai che amo la serie tv per cui forse anche io lo leggerei! Che poi non ho voluto citare le serie tv o i film come ad esempio quelli dell'universo Marvel, perchè lì è davvero complesso capire cosa è nato prima e cosa è il prequel di cosa (e comunque pure quelli li guardo tutti). Idem con Animali Fantastici, ho visto il film e avrei letto il libro se fosse nato come romanzo, perchè a certe cose non posso dire di no.

      Elimina
  4. Per me dipende da serie a serie, ma è una cosa che posso valutare solo o su consiglio di altri o sull'esperienza personale.
    Per quanto riguarda Shadowhunters, ad esempio, io l'ho letta in ordine di uscita, ma avrei sicuramente preferito leggerla in ordine cronologico.
    Viceversa con la serie Lux il prequel avrei dovuto leggerlo in ordine di uscita, invece l'ho letto in ordine cronologico e mi sono spoilerata un pezzo del primo libro.
    Penso che se si decide di scrivere un prequel ci deve essere una ragione, un qualcosa che sia impossibile da mettere nei vari libri, altrimenti ne faccio volentieri a meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh nel caso di SH mi sono informata bene prima di fare così, tu stessa sei stata interpellata :D
      Però ogni caso è a sè credo, ma ultimamente stanno solo andando molto di moda, i prequel davvero necessari direi che sono pochi. Chiaramente discorso esteso a film ecc dove sono anche più presenti che nei libri.

      Elimina
  5. Interessante domanda la tua.
    Credo che in effetti il più delle volte sono un pò inutili ma parlo per quelli che ho letto io. Li ho letti perchè come dici tu vanno di moda e poi quando ti piace una serie è inevitabile che la curiosità parti in quarta, tuttavia anche se lo leggi dopo non cambia granchè. Almeno è quello che è successo a me con la saga degli Elementi o come Io sono Jamie il prequel di Outlander poi dipende dai casi forse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si per alcuni è indifferente l'ordine, ma per altri no. Così come per alcuni è necessario leggerli mentre altri sono superflui. Sicuramente chiedere a qualcuno che già conosce la serie aiuta a capire come muoversi.

      Elimina