giovedì 7 dicembre 2017

BLACK DOG BLUES - Rhys Ford

Ultimamente mi sto imbattendo in tanti libri carini ma che non mi convincono del tutto. Ero davvero attirata dalla trama urban-fantasy di questo libro, ma non mi ha fatta impazzire, nonostante le premesse per una storia ottima mi sono ritrovata con una storia buona ma non perfetta. Insomma un libro un po’ sottotono rispetto a quello che credevo.

_____________________________________________ 
Titolo: Black Dog Blues (Kai Gracen #1)
Autore: Rhys Ford
Editore: Dreamspinner Press
Pagine: 259
Trama: L’elfo reietto Kai Gracen è convinto di aver esaurito il suo karma positivo quando uno Stalker umano vince la partita di poker in cui Kai è stato messo in palio e lo prende con sé. In seguito alla violenta fusione tra la Terra e l’Underhill, la razza umana e quella elfica si ritrovano a vivere in un mondo caotico e infestato da mostri, e gli Stalker sono gli unici disposti ad accorrere quando all’orizzonte si profilano oscure minacce.
Anche se difficile, quella dello Stalker è una vita che Kai ama: buone ricompense, qualche amico e, soprattutto, è priva di altri elfi che possano ricordargli il suo passato. E poi uccidere i mostri è facile, specialmente perché anche lui è un mostro.
Quando un signore dei sidhe di nome Ryder arriva a San Diego, a Kai viene affidato un incarico per la nuova Corte dell’alba. Sulla carta si tratta di una semplice spedizione lungo la costa durante la stagione degli amori dei draghi, allo scopo di salvare una donna umana incinta in cerca di protezione. Facile, veloce e, cosa più importante, remunerativo. Tuttavia Kai si trova invischiato in una faida familiare all’ultimo sangue dalla quale non ha alcuna speranza di sottrarsi.
Nessuno si è mai arricchito facendo lo Stalker. Anzi, pochi di loro arrivano alla vecchiaia, e sembra che Kai non farà eccezione.
_____________________________________________
L’indiscusso protagonista del libro è sicuramente Kai Gracen. La storia è narrata da lui in prima persona, ed è decisamente il punto forte del romanzo; è un personaggio ben caratterizzato con un background un po’ oscuro all’inizio che pian piano verrà chiarito e che ci mostra un elfo quasi esiliato dai suoi simili che viene cresciuto da un umano
Kai è un elfo tormentato, sin da subito si capisce che preferirebbe essere un umano, si comporta come un uomo e decisamente rinnega tutto quello che di elfico possiede, a partire dal suo aspetto. Da sempre cerca di dimenticare il suo passato, cerca di non pensare a chi era, o a cosa era. Il lavoro dello stalker per lui è l’unica vita che conta, l’unica che vita che vuole vivere, cacciando quelle creature che spesso appartengono proprio ai suoi simili.
Ma quando l'elfo Ryder, l'affascinante Signore dei Sidhe da poco insidiatosi in città, lo invocherà per una missione che Kai non potrà rifiutare, si ritroverà invischiato di nuovo in quel mondo che da anni cerca di ignorare. Il lavoro per Ryder, all’apparenza semplice, si rivelerà molto più complesso del previsto, e Kai dovrà fronteggiare vecchie conoscenze che riapriranno letteralmente ferite oramai chiuse senza contare la convivenza forzata con il Signore dei sidhe che sembra avere un effetto strano su Kai, c'è una sorta di attrazione che lui cerca in tutti i modi di nascondere. 

Questa in poche parole è la trama, che ho davvero amato. È una storia semplice che andando avanti si complica e che riserverà diversi colpi di scena fino alla fine, rendendo la vita di Kai un vero inferno. Se mi limito a recensire la trama di per sé non posso che dire che mi è piaciuta tanto, mi ha incuriosita e mi ha stupita per come si sono evolute le cose e per ciò che si è scoperto dell’elfo reietto.

Purtroppo però per me arrivare alla fine del libro è stata un po’ una sofferenza, perché per quando la trama sia interessante e intrigante non lo è altrettanto la narrazione che è troppo descrittiva per i miei gusti, e rallenta molto il ritmo che non risulta abbastanza incalzante. Le cose da scoprire sono tante ma ci si perde a leggere le costanti descrizioni di luoghi e paesaggi, che se da un lato rendono bene l’ambientazione tanto da avere le scene vivide in testa, dall’altro fanno perdere il filo della storia.

Anche il mondo in cui è ambientato il tutto è un po’ troppo caotico e complicato da capire all’inizio, non ci vengono date troppe spiegazioni e riuscire ad ambientarsi non è facile; elfi che convivono con gli umani in un mondo devastato da guerre dove vivono mostri di tutti i tipi. Non pretendo che venga descritta la storia della Fusione, ma un minimo di spiegazione iniziale non avrebbe fatto male anche perchè così ci sono davvero troppi elementi fantasy che sembrano quasi buttati lì e che rendono tutto troppo confuso. Per fortuna però all’inizio del libro c’è un elenco di parole inusuali che troveremo e che almeno ci aiutano a capire un po’ certe cose.

Una cosa che invece mi è piaciuta è l'idea del rapporto tra Kai e Ryder che al momento non è ancora una storia d'amore, non è ancora nulla in realtà, ma ho grandi speranze per il seguito. Spero però che il triangolo che ci viene servito alla fine non si riveli tale perchè per me andrebbe perdendosi quella vena M/M che mi ha fatto avvicinare al libro, vena che al momento s'è vista poco poco per i miei gusti. 

Insomma, ancora una volta mi ritrovo con un M/M molto interessante (anche se poco sviluppato da quel punto di vista), che ha i presupposti per essere un’ottima storia ma che si perde un po’ a causa dello stile troppo descrittivo e caotico nel presentare il world-building. 

Sicuramente darò una possibilità al seguito perché sono curiosa di sapere di più sulla famiglia di Kai e sono curiosa di vedere cosa accadrà tra lui e Ryder, sperando che quest’ultimo sia un po’ più presente nella storia (qui al centro di tutto c’era quasi solo Kai).

8 commenti:

  1. Anche a me non piacciono quelle narrazionin così descrittive - va bene entrare nella storia per poterla vedere davanti agli occhi mentre si legge, ma dopo un po' procedi con l'azione vera! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente c'è chi apprezza tanto una storia così ricca di dettagli, ma io preferisco più azione, e da amante del fantasy trovo davvero troppo complicato questo mondo senza spiegazioni. Peccato perchè alla fine speravo in qualcosa di più...

      Elimina
  2. Diciamo che tenta di essere un urban fantasy alternativo? xD

    RispondiElimina
  3. Sembra abbastanza carino, anche se dici che c'è poca azione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto della poca azione è un problema mio credo, la trama di per sè è interessante! ;)

      Elimina
  4. Ciao! Non conoscevo il libro, ma la trama e quello che hai scritto sul protagonista mi hanno davvero incuriosita. Mi spiace che non si sia rivelato all'altezza e le cose che hai scritto sullo stile mi hanno fatto un po' storcere il naso, ma spero di riuscire comunque a dargli un'opportunità perchè sembra comunque carino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Guarda è stata davvero un delusione per me, ma non vuol dire che lo sarà anche per te! Fammi sapere se lo leggerai :)

      Elimina