lunedì 16 ottobre 2017

L'ANGELO - SHADOWHUNTERS - Cassandra Clare

Oggi vi parlo di un libro conosciutissimo, finalmente mi sto avvicinando alla serie Shadowhunters di Cassandra Clare, credo una delle più famose nel mondo dell’urban fantasy, con alle spalle un fandom enorme. Sono sempre stata lontana da questi libri perché troppi e troppo corposi, ma a furia di vedere amici che li idolatravano mi son incuriosita tanto da leggerlo e devo ammettere che mi è piaciuto parecchio come genere e credo continuerò a leggere la saga!

_____________________________________________

Titolo:  L’angelo – Shadowhunters (The Infernal Devices #1)
Autore: Cassandra Clare
Editore: Mondadori
Pagine: 474
Trama: Tessa Gray, orfana sedicenne, lascia New York dopo la morte della zia con cui viveva e raggiunge il fratello ventenne Nate, a Londra. Unico ricordo della vita precedente, una catenina con un piccolo angelo dotato di meccanismo a molla, appartenuto alla madre. Quando il fratello maggiore scompare all'improvviso, le ricerche portano la ragazza nel pericoloso mondo sovrannaturale della Londra vittoriana. Sarà rapita, ingannata, sfruttata per la sua straordinaria capacità di trasformarsi e assumere l'aspetto di altre persone. La salveranno due Shadowhunters, Will e Jem, destinati a combattere i demoni, nonché a mantenere l'equilibrio tra i Nascosti e fra questi e gli umani. Tessa sarà costretta a fidarsi. Si unirà a loro nella lotta contro i demoni per poter imparare a controllare i propri poteri e riuscire finalmente a trovare Nate. Ma tutto ciò la porterà al cuore di un arcano complotto che minaccia di distruggere gli Shadowhunters, e le farà scoprire che l'amore può essere la magia più pericolosa di tutte.
_____________________________________________


Faccio una piccola premessa: prima di iniziare la serie ho riflettuto e ho chiesto vari pareri di amici che già avevano letti i libri, è corretto aver iniziato dal prequel che la Clare ha scritto dopo la serie principale? Quando si tratta di prequel effettivamente io tendo a seguire l’ordine cronologico della storia, per cui già avevo in mente di partire da qui. Può sembrare una scelta strana, ma trovo che per avvicinarmi a questo genere di fantasy partire da un’ambientazione vittoriana (che io amo) sia stato decisamente meglio per me, e poi storicamente avviene prima per cui per me aveva senso così.
Detto ciò posso finalmente iniziare a lamentarmi di Tessa.

Tessa è sicuramente l’indiscussa protagonista della storia, e non mi è piaciuta dal primo momento in cui ho letto di lei. Ritrovandosi da sola dopo la morte della zia, decide di seguire suo fratello Nate a Londra. Ma una volta arrivata non trova lui ad attenderla, bensì due sorelle Oscure che la costringeranno a fare i conti con il potere che non sapeva nemmeno di avere: può mutare aspetto e trasformarsi in altre persone.
È proprio in casa delle Sorelle che gli Shadowhunters la troveranno salvandola da un infelice destino e portandola nel loro Istituto per proteggerla. Tessa non potrà far altro che unirsi a loro perché sono gli unici che possono aiutarla a trovare Nate e soprattutto a capire chi e cosa sia lei. Dal canto loro i Cacciatori hanno bisogno del suo aiuto per capire cosa sta complottando il mondo dei Nascosti per distruggere gli Shadowhunters perchè lei sembra un pezzo fondamentale di questo gioco…

Tessa non mi piace come personaggio, o meglio mi piace tantissimo l’idea del personaggio, il suo ruolo e i suoi poteri, ma lei per come è caratterizzata non mi è proprio andata giù, è proprio una sensazione a pelle non la digerisco. Si lamenta troppo, non si adatta, è una piaga a volte; mi rendo conto che per essere una donna nel tempo in cui è ambientato il libro ha pure senso, però Charlotte a differenza sua mi è piaciuta molto di più anche per il ruolo che ricopre. Nonostante ciò però trovo la storia di Tessa interessante, così come quel suo angelo meccanico, unico ricordo di sua madre, ma devo fare uno sforzo enorme per distanziarmi dal suo carattere per apprezzare il suo personaggio obiettivamente.

Quello che invece ho apprezzato tantissimo è il mondo degli Shadowhunters e dei Nascosti. Ho amato questo Istituto dove vivono Charlotte, Will e tutti gli altri come una famiglia e l’ho amato ancora di più nel contesto vittoriano.
Stare all'Istituto era un po' come stare in un castello, con il soffitto immerso nelle tenebre e le pareti coperte di arazzi. O almeno, era così che Tessa immaginava l'interno di un castello. Gli arazzi avevano motivi ricorrenti di stelle e spade, nonché lo stesso tipo di disegno che aveva visto sulla pelle di Will e Charlotte. C'era anche un'immagine singola ricorrente, quella di un angelo che emergeva da un lago con una spada in una mano e una coppa nell' altra.

Nonostante non abbia letto Città di Ossa non ho faticato troppo ad entrare in questo mondo di Nephilim che cacciano i demoni per proteggere gli umani, e devo ammettere che l’idea mi affascina tantissimo. In questo libro ho poi apprezzato la lotta contro i Nascosti e soprattutto contro quei temibili automi che non cadono sotto le lame angeliche essendo dei semplici pezzi di metallo (da amante di Doctor Who non ho potuto fare a meno di pensare a certi episodi come The girl in the fireplace).

La storia è fondamentalmente molto semplice, non è troppo complessa a livello di eventi, ma la lettura non troppo scorrevole mi ha un po’ “bloccata”, per non parlare di questo vizio che ha la Clare di spiegare cose già ovvie e già dette che trovo un pochino fastidiosa.
Per questo ci ho messo diversi giorni a leggerlo anche se la curiosità di proseguire c’è stata per tutto il tempo e c’è anche ora perché i quesiti aperti sono tanti, ed essendo primo di una trilogia continuo con buone aspettative.

Sopra ogni cosa ho amato gli Shadowhunters, in particolare Will. Will è oscuro, sempre serio ma in realtà molto ironico, sgarbato e cattivo all’apparenza, nasconde molto bene i suoi sentimenti ma nel profondo è tormentato da qualcosa che riguarda il suo passato... che ora sono davvero curiosa di scoprire!
Pulvis et umbra sumus. È un verso di Orazio. "Siamo polvere e ombra". Appropriato, non trovate? -disse Will. -Non si vive a lungo, uccidendo demoni si ha la tendenza a morire giovani, quindi il corpo va bruciato... polvere alla polvere, in senso letterale. E poi svaniamo nelle ombre della storia, senza un solo cenno sulla pagina di un libro mondano a ricordare che siamo mai esistiti.

Mi è piaciuto, anche se un po’ meno, Jem, il parabatai di Will. Il loro è un rapporto che mi incuriosisce tanto (in generale mi affascina il rapporto di parabatai) ma loro due non potrebbero essere più diversi sia fisicamente che caratterialmente. Tanto Will è antipatico tanto Jem è buono. Loro due si guardano le spalle a vicenda, si capiscono e si vogliono bene come fratelli. Jem è l’unico verso cui Will dimostri affetto, anche se secondo me ci sono cose che non hanno capito l’uno dell’altro e non tutto è come sembra… comunque anche questo è uno dei motivi per cui voglio leggere il seguito.
Mi piace la famiglia dell’stituto, Charlotte ed Henry mi hanno fatta sorridere più volte, e anche Jessamine nonostante non mi sia piaciuta troppo l’ho trovata decisamente meglio di Tessa.

In sostanza è un libro che ho apprezzato tanto per atmosfere e trama ma che non mi ha rapita completamente, forse anche perchè i primi libri di una serie sono sempre i più ostici, confido in un secondo capitolo decisamente migliore anche se devo farmi il segno della croce per sopportare di nuovo Tessa per un intero libro (non fatemi pensare che c’è pure il terzo).
Posso quindi ritenermi soddisfatta di questa prima esperienza nel mondo degli Shadowhunters e almeno per ora sono intenzionata a continuare la conoscenza di questo mondo e mi sento un po' meno esclusa quando gli amici mi parlano di questi personaggi!

10 commenti:

  1. Il secondo è pazzesco, uno dei miei preferiti della saga! Aspetto di sentire cosa ne penserai, perché sono parecchio curiosa ^^
    Tessa, come sai, la detesto. E purtroppo andrà peggiorando, quindi preparati psicologicamente a questa cosa. Will e Jem sono la bromance per eccellenza, secondo me, qua si che ci voleva una bella storia m/m. Non mi dilungo oltre. Ne avrei da dire sulla Clare ma tu sei ancora agli inizi, se alla fine vorrai leggere tutto magari ne riparleremo. Diciamo solo che, secondo me, fa un po' la furba, eccoxD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo a breve spero di iniziarlo e ti aggiorno ovviamente! ^^
      Me lo stanno dicendo tutti che è detestabile e già qua l'ho sopportata poco... ma per Will farò uno sforzo u_u
      Per il resto ne parleremo quando sarò più avanti XD

      Elimina
  2. Benvenuta nel Club #IoAmoWill che è gemellato con quello #Tessacorriagiocareamoscaciecasullerotaie. Detto questo, Il Principe è il mio preferito e Jem non lo sopporto manco come parabatai. Perché? Perché è cieco, volutamente. Scoprirai perché.
    Su Tessa e su come la chiamo ne parleremo al prossimo capitolo. Purtroppo ti anticipo che non ti libererai mai di lei. E per mai intendo proprio eternamente mai.
    Hai letto, comunque, la mia trilogia preferita,per ora. Per essere sicura della scelta, attendo la fine di TDA.
    Ganbatte, Fede-chan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie parabatai per avermi fatto entrare nel club di amanti di Will.... per Tessa pensavo più a un club tipo #Tessavaiagiocarevicinoauntombinoaperto ma devo dire che il tuo sembra più efficace. A breve leggerò Il principe spero, ovviamente sarai aggiornata perchè è grazie a te che son entrata in sto mondo e ora dobbiamo insultare Tessa e amare Will insieme u_u

      Elimina
  3. Will *^* Aaaa... vabbè, lo amo si sa.
    Come ti ho già detto, sai che sono favorevole al fatto di iniziare la serie da qui. Io l'ho letta nell'ordine di uscita e, meh, avrei preferito leggerla al rovescio.
    Comunque non mollare: dal secondo il ritmo diventa più incalzante e soprattutto il legame Parabatai diventa una delle cose più belle di questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No tranquilla che non mollo, sono intenzionata a continuare perché sono curiosa! Ovviamente avrai gli aggiornamenti del caso... dopotutto lo faccio per Will ci sarà da parlare! E il legame parabatai mi ispira parecchio si! *_*

      Elimina
  4. Ciao! Ho nominato il tuo blog per il Blogger Recognition Award! Se vuoi, ti aspetto QUI. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille <3
      Appena riesco preparo il post!

      Elimina
  5. Felice che ti sia piaciuto! Io in genere capitombolo davanti ai personaggi come Will, ma in questo caso a rubarmi il cuore è stato Jem, non so come mai. Concordo su Tessa, sono del parere che la Clare dia il meglio di sé con i personaggi maschili. Le sue protagoniste mi stanno tutte un po' sulle scatole. Questa serie comunque migliora di volume in volume... il mio preferito è il terzo ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, da quello che ho capito lo scoglio maggiore l'ho superato con questo libro, e ora non vedo l'ora di proseguire con gli altri! Jem non mi convince troppo, ma in ogni caso preferisco lui a Tessa, chiunque altro meglio di lei!!! XD

      Elimina