martedì 26 settembre 2017

REVIEW PARTY - CUORE OSCURO - Naomi Novik

Buongiorno! Oggi per Mondadori esce CUORE OSCURO di Naomi Novik, un libro fantasy autoconclusivo dalla copertina magnifica, quella italiana mi ha subito attirata perché la trovo davvero bella, molto più di quella originale!

_____________________________________________

Titolo:  Cuore Oscuro
Autore: Naomi Novik
Editore: Mondadori (Chrysalide)
Pagine: 432
Data pubblicazione: 26 settembre
Trama: Agnieszka è una contadina diciassettenne goffa e sgraziata che vive insieme alla famiglia in un piccolo villaggio del regno di Polnya. Su tutti loro incombe la presenza maligna del Bosco, che sta progressivamente divorando l'intera regione. Per mantenere al sicuro se stessi e i loro villaggi dalle minacciose creature del Bosco e dai sortilegi mortali che lì si compiono, tutti gli abitanti della valle si affidano a un misterioso e solitario mago noto con il nome di Drago. Quest'ultimo sembra l'unico, infatti, in grado di controllare con la sua magia il potere imperscrutabile e oscuro del Bosco. In cambio della sua protezione, però, l'uomo pretende un tributo: ogni dieci anni avrà la possibilità di scegliere una ragazza tra le diciassettenni della valle e di portarla con sé nella sua torre. Un destino a detta di tutti terribile quasi quanto finire nelle grinfie del Bosco. Con l'avvicinarsi del giorno della scelta, Agnieszka ha sempre più paura. Come tutti dà infatti per scontato che il Drago non potrà che scegliere Kasia, la più bella e coraggiosa delle "candidate" nonché sua migliore amica. Ma quando il Drago comunica la sua decisione, lo sgomento è generale.
_____________________________________________
Agnieszka (aiuto!! Scriverlo giusto è davvero difficile) vive in un piccolo villaggio vicino al terribile e malefico Bosco, un’entità maligna che vive di vita propria, popolato da creature spaventose, che ogni anno si allarga sempre di più per divorare la valle intera. 
A proteggere i villaggi della valle si erge una torre, il cui Signore è uno stregone chiamato Drago, uno dei più forti del regno. Ogni dieci anni però, per svolgere il suo ruolo di protettore, il Drago esige un tributo: una giovane donna che per quegli anni dovrà stare al suo servizio. Tutti sanno che la prescelta sarà Kasia, la migliore amica di Agnieszka, il Drago da sempre predilige le ragazze più belle, coraggiose ed intelligenti.
Il Drago non prendeva sempre l’adolescente piu carina, ma quella piu speciale si, in un certo senso: e se c’era una ragazza che era di gran lunga la piu gradevole, la piu talentuosa, la piu brava a ballare o la piu gentile, lui la sceglieva sempre, anche se prima di farlo scambiava a stento, con le predilette, solo una o due parole. Kasia era tutte quelle cose messe insieme. 

Agnieszka è quindi turbata perché sa che quasi sicuramente perderà la sua amica, probabilmente per sempre (le ragazze dopo aver servito nella torre difficilmente tornavano a vivere al villaggio, era più facile che si allontanassero il più possibile dal Bosco), ma in cuor suo è anche felice perchè il Drago di certo non sceglierà mai lei che è bruttina, goffa e maldestra.
Eppure il giorno della scelta il Drago stupirà tutti, perché sarà proprio Agnieszka ad essere scelta per prestare servizio presso la torre del Drago. Tutti sono sorpresi da questa scelta apparentemente incomprensibile, soprattutto lei non capisce perché il Drago l’abbia voluta, non rientra nei suoi canoni… ma per averla presa con sé deve pur aver visto qualcosa di interessante…

All'inizio del libro tutto sembra semplice e ben delineato, con il Drago che ogni dieci anni esige un tributo in cambio di protezione dal Bosco; ma in realtà nulla è scontato, soprattutto quando ad essere scelta è Agnieszka, perchè lei è molto più di quello che appare e il suo fato è indissolubilmente legato a quello del Drago, del Bosco e del Regno intero. Pian piano si viene trascinati in una storia che diventa ogni capitolo più coinvolgente fino ad arrivare all'inevitabile lotta tra Bene e Male, come nei più classici dei fantasy. 

Questo è un libro dove troverete castelli, magiestreghe, incantesimi, mostri cattivi, Re e Regine ed eroi. Una storia con regni in guerra, con il male sempre alle porte e infine anche con un pizzico di romance; ha quasi i tratti di una fiaba oscura (mi ha un po' ricordato le fiabe dei Grimm), con un tocco di folclore polacco che fa apprezzare ancora di più la storia. 
In particolare mi è piaciuta tanto l’idea del Bosco, quell’essere maligno che genera creature mostruose, che vive di vita propria, che si espande e intrappola al suo interno le persone e che le contagia... il Male puro insomma.
Il Bosco ti consumava come marciume sopra un albero caduto, scavandoti da dentro, lasciando solo una creatura mostruosa satura di veleno, alla quale non importava niente tranne che diffondere il contagio.

I personaggi poi sono un po’ particolari, non è facile subito familiarizzare con loro; lei è davvero stramba, sembra non essere in grado di far altro che sporcarsi e fare danni all’inizio, solo andando avanti nella storia inizia a delinearsi meglio il suo ruolo e il suo carattere. Il Drago invece è davvero odioso, arrogante e vanitoso, continua a rimproverare Agnieszka per qualunque cosa, non lo sopportavo proprio!
Tacque e mi guardo senza nascondere la sua irritazione.Che impareggiabile talento per il disastro, il tuo.
Ma anche lui andando avanti si riprende, giusto un pochino. Quella che mi è piaciuta di più sin dall'inizio è stata Kasia, anche se io e le protagoniste femminili dei romanzi difficilmente ci piacciamo è quella che sin da subito ho apprezzato di più. 

L’unica cosa che mi ha fatto faticare parecchio a leggere il libro è lo stile. Non è certo un libro veloce da leggere e non l'ho trovato particolarmente scorrevole, ci sono tante descrizioni e pochi dialoghi, ma nonostante questo la trama è davvero interessante e ben strutturata, più si va avanti più le cose si ingarbugliano (letteralmente) per cui si è sempre invogliati a continuare la lettura per capire cosa accadrà alla fine. Tranquilli, il finale è assolutamente adeguato e conclusivo, non ci saranno cuori spezzati e nemmeno scene interrotte sul più bello in attesa del seguente libro, cosa che nel fantasy al giorno d'oggi non è poi così scontata! 

Ho notato la mancanza di una mappa (per me fondamentale nei fantasy) e di un elenco dei personaggi; io sono una di quelle persone che consulta entrambe le cose perchè mi aiutano tanto a capire meglio la storia. Questi però non sono certi difetti che cambiano la mia valutazione, nel complesso è stata una lettura piacevole (anche se un po' lenta per i miei gusti) e credo proprio che gli amanti del fantasy classico sicuramente lo ameranno, è un libro che incanta letteralmente! 



E non perdetevi le recensioni dei blog Words of books, Peccati di penna, Dolci e parole e Emozioni di una musa che hanno letto insieme a me il libro!

Nessun commento:

Posta un commento