mercoledì 22 marzo 2017

LEGEND - Marie Lu

Come sempre sono incappata in una trilogia. Distopica. Bellissima. Che non riuscirò a smettere di leggere finchè non sarà terminata. Vediamo se riesco a farvi capire qualcosa di questo fantastico libro che mi ha davvero conquistata.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Titolo: Legend
Autore: Marie Lu
Editore: PIEMME
Pagine: 262
Trama: Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. A quindici anni, June è già una promessa della Repubblica. Nata in una famiglia ricca e prestigiosa, oltre a una bella casa, un mucchio di soldi e la possibilità di frequentare le scuole migliori, possiede anche un vero talento nel cacciarsi nei guai e senza l'intervento di Metias, il fratello maggiore, probabilmente qualcuna delle sue bravate all'accademia militare sarebbe già finita male. Dalla morte dei genitori, Metias è l'unico su cui può contare, almeno fino al giorno in cui viene ucciso in circostanze misteriose. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma nato e cresciuto nei bassifondi della Repubblica. Ed è anche il criminale più ricercato del paese. Da quel giorno, June ha un unico desiderio: vendicare Metias. Ma per lei e Day il destino ha altri piani.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -



Il mondo che ci viene presentato da Marie Lu è crudo, non ci vengono dati troppi dettagli (cosa che apprezzo parecchio), tipico distopico, un’America che non è più quella che conosciamo noi, devastata dalla guerra. Una Repubblica che governa col pugno di ferro, militari ovunque, i poveri sempre più poveri senza grandi aspettative, solo i ricchi stanno discretamente bene, ma alla fine sono tutti sorvegliati, controllati, misurati.


Day è il criminale più ricercato di sempre, nato nei distretti poveri, uno dei pochi che non ha superato la Prova, quella che decide il destino di ogni ragazzo in base ai punteggi ottenuti. È da allora che sta scappando, ma è bravo, è astuto, e la Repubblica non ha idea di chi sia e non sa come fermarlo.

In altre parole, la Repubblica non ha idea di quale sia il mio vero aspetto. Sembra che non sappiano un granchè sul mio conto, tranne che sono giovane e che quando analizzano le mie impronte digitali non trovano nessuna corrispondenza nel loro database. Per questo mi odiano ed è per questo che non sono il criminale più pericoloso del paese, ma il più ricercato. Gli faccio fare brutta figura.


June è nata in una famiglia prestigiosa e ricca con un’ottima posizione in società, ed è un prodigio: è infatti l’unica ragazza che ha ottenuto il punteggio massimo alla Prova, ma sembra avere qualche problema con l’autorità, motivo per cui spesso è nei guai, e sembra provare una strana ammirazione per quel criminale impossibile da prendere.


Sono rispettata, discutono e spettegolano di me, ma nessuno parla davvero con me. Questa è la vita di una studentessa quindicenne dell’ultimo anno in un’università per ragazzi dai sedici anni in su.

Ma da quando suo fratello è stato ucciso, e i sospetti ricadono subito su Day, lei sa che l’unico modo per vendicare Metias è impegnarsi per stanare Day, lei è l’unica che può riuscire nell’impresa, perché sotto sotto lei e lui sono simili.

Però quando finalmente incontrerà Day si renderà conto che forse non è tutto come sembra, lui le apre gli occhi sulla Reppubblica, le insinua dei sospetti.
Possibile che nascondano le cose alla gente? Che manipolino la verità? Non può credere a un criminale, a quel criminale che ha ucciso suo fratello. Eppure….. il dubbio c’è. E se non fosse lui il responsabile? Se fosse tutta una montatura? Esattamente come quelle che lui sostiene essere la routine per il loro governo.

Tu e io potremmo avere lo stesso nemico, ma ci hanno messi l’uno contro l’altra.

Un libro dallo stile semplice, senza troppe descrizioni o spiegazioni, tipico di un distopoco duro, eppure molto incisivo e assolutamente coinvolgente.
La storia è molto semplice ma è impossibile non rimanerne conquistati.
Una leggenda come Day contro il Prodigio di June. Uguali ma diversi, si sfidano e si attraggono, affascinati l'uno dall'altra perchè così simili eppure in lotta è impossibile non amarli.
Come nei migliori libri del genere il Nemico maggiore è sempre il governo opprimente e tipicamente militare, che mente ed inganna, che distrae e incanta e manipola a suo piacimento i cittadini.

June e Day poi sono personaggi fantastici, sono geniali, entrambi. Bellissimi anche. E insieme sono favolosi, io li adoro sappiatelo.
Anche i cattivi di turno sono perfetti: soldati che eseguono gli ordini dall’alto, non importa a quale prezzo, macchine in sostanza, una delle cose più terrificanti che si possa leggere (e anche immaginare).

Un libro che mi ha davvero tenuta incollata alle pagine, finito troppo alla svelta, ma ora sono assolutamente pronta a continuare con gli altri due volumi, che ovviamente ho subito comprato (non guardatemi male su, era il mio compleanno mi meritavo un regalino, no?).


6 commenti:

  1. Questa trilogia è stato il mio tormento: mi sono innamorata del primo volume e sono arrivata al terzo stremata e con la testa piena di domande che non hanno ottenuto alcuna risposta... insomma, seguirò le tue prossime recensioni per sapere cosa ne pensi xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco dicendomi così mi spaventi e mi incuriosisci un sacco, in ogni caso DEVO proseguire, non ho scelta!

      Elimina
  2. Con questa recensione mi incuriosisci ancora di più! Ho spulciato in biblioteca ma niente, nada. Credo che prenderò gli eBook, ma attendo per vedere se si palesa qualche offerta all'orizzonte;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, mettilo in lista. Poi finisco la trilogia così ti dico XD
      Ti tengo aggiornata ovviamente!

      Elimina
  3. Risposte
    1. E' bellissimo!!! Tutta la serie lo è, ma è straziante, mettilo in conto.

      Elimina