sabato 25 marzo 2017

IL RONIN E LA VOLPE - Cornelia Grey



Ero molto indecisa se fare questa recensione o meno, perché si tratta di un libro, anzi una novella data la lunghezza, che appartiene ad un genere a me nuovo e che quindi mi risulta un po’ difficile recensire. Ma chi mi ha incoraggiato a leggere questa storia mi ha anche incoraggiato a recensirla, perciò proverò a spiegare il mio pensiero.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Titolo: Il ronin e la volpe
Autore: Cornelia Grey
Editore: Self Publishing
Pagine: 114
Trama: Nel Giappone feudale, Kaede Hajime vive da ronin vagabondo, un samurai senza un signore. Quando passa la notte in una locanda, il proprietario lo implora di aiutarlo a fermare una pericolosa kitsune, uno spirito volpe, che tormenta il villaggio. Ma, quando cattura lo spirito, che ha la forma di un bellissimo ragazzo, Hajime scopre che anche la kitsune ha dei problemi. La perla che contiene l'anima dello spirito è stata rubata, rendendolo schiavo del suo nuovo padrone, che lo obbliga ad attaccare il villaggio.

Hajime accetta di aiutare la volpe a recuperare il gioiello, ma vivere con uno spirito volpe non è facile, e la fiducia che sta nascendo fra loro è continuamente messa alla prova. Le kitsune sono prima di tutto imbroglione, e Hajime deve capire quanto di ciò che la volpe gli dice sia la verità. A peggiorare le cose, un vecchio compagno di Hajime è in città, portando con sé gli amari ricordi dei suoi giorni da samurai. Hajime deve trovare un modo per recuperare il gioiello prima che il ladro scateni contro di lui i notevoli poteri della kitsune... e cercare di non rimetterci il cuore.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -





Hajime è un ronin, ovvero un samurai senza più un signore, un vagabondo che arrivato in questo villaggio si scontra con una kitsune, uno spirito volpe che infesta le terre e gli abitanti di questo tranquillo luogo. Vedendo in lui un onorevole guerriero gli abitanti chiedono il suo aiuto per stanare la volpe; di certo non può tirarsi indietro per cui inizia la sua caccia.

Anche se Hajime era stato un samurai, un tempo, non lo era più. Non serviva alcun signore; era un ronin, e tutto ciò che gli restava da fare era vagabondare di villaggio in villaggio cercando di essere giusto e onorevole, seguendo i precetti del bushido. Non significava che non avesse onore.



Ma quando incontra la volpe scopre che lei è schiava di qualcuno, costretta ad obbedire agli ordini di un miserabile umano che ha rubato la sua perla, quella perla che racchiude la sua anima.

Hajime si rende conto che l’unico modo per salvare il villaggio e aiutare la volpe, che scoprirà chiamarsi Katsura, è proprio ridare allo spirito la sua perla in modo da liberarlo dalla schiavitù. 

“Non sei uno stolto. Conosci le leggende,” disse la volpe, con la voce scura di rabbia. “Sai che il gioiello che hai visto contiene l’anima di una volpe. Un uomo ha rubato il mio. Fine della storia.”


La storia è davvero molto carina, trae origini dalle credenze e leggende giapponesi a cui l’autrice ha deciso di aggiungere dettagli fantasy che rendono la narrazione molto interessante, ovviamente io ho dovuto chiedere aiuto alla mia sensei per capire cosa è vero della tradizione e cosa è inventato dalla scrittrice, ma ai fini della storia è ininfluente perchè funziona benissimo così.

Ma oltre alla parte fantasy abbiamo anche la parte “romantica”. 
Mai prima avevo letto una storia MM e devo dire che non mi è poi dispiaciuta come credevo (mannaggia ai pregiudizi eh!!), anzi l’autrice descrive tanto bene le scene (a parte una certa parolina che viene ripetuta troppo spesso che rende certe scene un po’ troppo volgari…) che mi sembrava di essere lì con loro; il loro rapporto che inizia come una cosa puramente fisica, si intensifica pian piano, si conoscono e si instaura un rapporto di fiducia, anche se l’onore di Hajime non gli permette di ammettere nemmeno a se stesso che dopotutto quella volpe per lui è importante, è risaputo infatti che le volpi mentono ed ingannano, come potrebbe fidarsi di lui? 


Come dicevo sopra, non mi ero mai imbattuta in storia del genere, ma sono stata davvero contenta di leggerla, lo stile è semplice ma preciso, le scene son descritte bene e la narrazione è molto fluida, Hajime e Katsura sono caratterizzati davvero bene, impossibile non immergersi nella storia. Mi è quasi sembrato di vedere un anime durante la lettura, complimenti all'autrice che è riuscita a scrivere una storia in questo modo.

Consiglio questo libro a chi è affascinato dal Giappone e dalla sue leggende e a chi vorrebbe conoscere storie con questa ambientazione, per me è un mondo nuovo che però mi attira tantissimo. Vi avviso però che alcune scene qui descritte sono mooolto esplicite per cui non è certo un libro da tutti, ma si sa, io ho una mente aperta e non mi faccio troppi problemi!

E come sempre ringrazio colei che mi ha consigliato il libro, oramai mi fido ciecamente di quello che mi dice di leggere!

8 commenti:

  1. Recensione splendida! La tua sensei continua a essere fiera di te!
    Allora, parliamo di questa novella: Giappone, mitologia giapponese, fantasy, MM, cioè il meglio del meglio per una con i miei gusti. E, attenzione, anche per chi non ha i miei gusti, perchè chi ama il fantasy conosce molto il lato occidentale della materia (nephilim, fate, lupi mannari ecc ecc) e poco conosce di yokai e simili. Questo libro è una buona occasione per avvicinarsi a un mondo che si conosce poco (i molti, per lo più, perchè chi legge manga e guarda anime ne è immerso fino ai capelli) e anche a una bravissima autrice italiana, Cornelia Grey, che scrive anche in inglese ed è davvero talentuosa. Ah, YAOI forever, perchè due è sempre meglio di uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di essere riuscita a scrivere una cosa decente, merito anche delle immagini bellissime! Come sai non conoscevo l'autrice ma ne sono rimasta molto colpita, e in generale comincio ad apprezzare sempre di più queste cose giapponesi fantasy e non!
      La cosa del "Due è sempre meglio di uno", la sto imparando anche io!! ;)

      Elimina
  2. Storia perfetta per me!
    Mi piace molto il Giappone con le sue usanze e leggende.
    Grazie per la recensione, così posso aggiungerlo alla mia lista ;)
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! E' stata davvero una bella scoperta questa, spero di averti consigliato una storia che possa piacerti! Se la leggerai voglio sapere il tuo pensiero! Buon fine settimana anche a te! ^_^

      Elimina
  3. Una certa parolina, già:P
    Forse, dopo la lettura in corso, lo riprendo. Ma il problema di fondo è che non mi piacciono troppo i racconti, lo ammettoxD
    Ah, e comunque, se vuoi un altro MM molto bello, ne ha scritto uno pure la De Winter*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che è qualcosa di più di un racconto, poi è carino! Beh vedi te, nel caso te lo spoilero io, as always! ;)

      Elimina
  4. Decisamente interessante! *-* Me lo segno subito ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son curiosa di sapere cosa ne pensi! :)

      Elimina