giovedì 23 febbraio 2017

SHATTER ME - Tahereh Mafi

Da tantissimo tempo sentivo parlare di questo libro, vedevo la sua splendida cover ovunque. Io amo il distopico, posso tranquillamente affermare che è diventato il mio genere preferito per cui ho deciso che era giunto il momento di leggere Shatter Me e mi sono buttata nella storia senza aver mai letto troppo attentamente le altre recensioni quindi senza grandi aspettative. Ma ancora una volta sono rimasta intrappolata in una storia che non vedo l’ora di proseguire.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Titolo:  Shatter me
Autore: Tahereh Mafi
Editore: Rizzoli
Pagine: 378
Trama: 264 giorni chiusa in una cella, senza contatti con il mondo, perchè Juliette ha un potere terribile: se tocca una persona può ucciderla. A tenerla prigioniera è la Restaurazione, un gruppo militare che intende usarla come arma. Scappare è impensabile, finchè nella cella di Juliette entra Adam, un soldato semplice che scopre di essere immune al suo tocco. Il loro incontro è la scintilla che accende una speranza, la chiave che potrebbe aprire mille porte. Perchè la vita li chiama, oltre i muri della prigione.





- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Juliette è un mostro. Lei si vede come un mostro, i suoi genitori e il mondo intero la vedono come un mostro. Per questo è rinchiusa in una cella di isolamento, con una sola finestra da cui può sognare la libertà. Perché Juliette non può toccare nessuno senza provocargli dolore, o peggio la morte.

La terra è piatta. Lo so perché sono stata gettata oltre il ciglio, e ho trascorso diciassette anni sforzandomi di restare aggrappata. Per diciassette anni ho cercato di issarmi oltre quel ciglio, ma è quasi impossibile sconfiggere la forza di gravità quando non c’è nessuno disposto a darti una mano. Quando nessuno vuole correre il rischio di toccarti.

Questo fino a quando non incontra Adam, un soldato che sembra immune al suo pericoloso tocco. Ed è da quel momento che la sua vita cambia, perché se prima era una prigioniera pericolosa ora la Restaurazione sembra aver bisogno di lei, e finalmente dopo anni di solitudine potrà uscire da quella cella, e vedere il mondo esterno, che non è assolutamente come ricordava. La Restaurazione ha preso il comando di tutto, ci sono soldati ovunque, la natura è morta, la gente disperata, non c’è più cibo, l’aria è insalubre, gli esseri umani annientati, fa paura questo mondo troppo reale, troppo spaventoso per essere vero. Ho particolarmente apprezzato questo scenario reso anche più spaventoso dalla descrizione dal punto di vista di Juliette, la Mafi poi utilizza parole bellissime per uno scenario terribile.

Non avrei mai pensato che la Restaurazione potesse spingersi tanto in là. Inceneriscono la cultura, la bellezza che risiede nella diversità. I nuovi cittadini del mondo non saranno altro che numeri: facilmente interscambiabili, facilmente rimovibili, facilmente annientabili in caso di disobbedienza. Abbiamo perso ogni umanità.

E Juliette non può far altro che assecondare Warner che è al comando Settore 45 dove sarà di nuovo prigioniera, anche se sarà nel lusso stavolta.
Juliette sarà costretta a guardare in faccia la realtà, forse non è poi così tanto mostro, in un mondo di guerra il suo potere potrebbe non essere una maledizione, di certo Adam e Warner non sembrano pensarla così, forse è arrivato per lei il momento di svegliarsi e cercare la sua libertà, di imparare a convivere con i suoi potere e con le altre persone, non più isolata, di accettare sé stessa per poter aiutare gli altri.

«Credi di essere malata?» grida. «Tu possiedi un dono! Possiedi un talento straordinario che non ti sforzi neanche di comprendere! Il tuo potenziale…» «Io non ho nessun potenziale!» «Ti sbagli.» Mi fulmina con lo sguardo. Non saprei dirlo diversamente. Credo di poter affermare che in questo momento mi detesti. Mi detesta perché detesto me stessa.

Ho amato tanto questo libro. L’ambientazione, lo stile dell’autrice, Warner, Kenji. Ho amato un po’ meno Juliette e decisamente poco Adam. Ma questi son gusti personali.
Con Juliette ho instaurato un rapporto di amore/odio, perché a volte è insopportabile il suo piangersi addosso, spesso troppo testarda e infantile, ma poi ci sono momenti in cui si sveglia e tira fuori la rabbia e la forza che me l’hanno fatta apprezzare.
Mi piace Warner sin dal primo momento che ho letto il suo nome, nonostante sia cattivo e perfido, spietato e crudele, ma credo che nasconda qualcosa, che questa sua strana ossessione per Juliette che lo rende quasi pazzo abbia un significato dopotutto ok forse mi piace anche perchè sto già leggendo Destroy me e lo sto apprezzando tanto.
Adam invece non mi piace, sin da subito viene descritto come il salvatore di Juliette, non credo che lei abbia bisogno di qualcuno che la difenda col il potere che si ritrova, anzi! E trovo un po' surreale che proprio fra tutte le persone che potevano entrare in quella cella è entrato proprio lui, affascinato da lei sin dai tempi della scuola, trovo la loro storia "troppo semplice", lui poi non sa assolutamente quando sia forte in realtà Juliette, cosa di cui nemmeno lei si rende conto in effetti.

Ho riso dalla prima battuta di Kenji e credo che non potrò far a meno di lui e della sua ironia andando avanti con la serie perché mi allieta tutte le scene sdolcinate tra Adam e Juliette.
Non vi dirò altro sulla trama o sui personaggi e i loro legami, solo che l'azione cresce sempre di più fino ad arrivare ad un finale decisamente aperto.
Ma posso dire che adoro la scrittura scorrevole e semplice di questo libro; amo il fatto che i numeri vengano scritti in numeri e non in lettere, amo le cancellature di alcune parole di Juliette, quasi fosse un diario con frasi che non può permettersi di pensare. E soprattutto amo l’ambientazione di questo mondo pericoloso eppure vivo. Desolato eppure fremente.

Ho apprezzato molto l’evolversi della storia, mi piace questo potere di Juliette, che mi ricorda gli x-men (che adoro) ma non avevo mai letto nulla di simile, e sono rimasta intrappolata in queste pagine insieme a lei, ma più mi avvicinavo alla fine più soffrivo perché sono rimaste tante domande in sospeso.
Perché Juliette è tanto importante per la Restaurazione (e non solo)? Perché Adam riesce a toccarla senza star male?? Riusciranno a trovare la libertà? E Warner? Come reagirà?

Gli interrogativi sono tanti, chi ha letto il libro e conosce la fine sa che le domande che ho appena posto sono solo la punta dell’iceberg di questioni irrisolte, e io non vedo l’ora di continuare la serie perché a questo punto sono davvero curiosa. 

16 commenti:

  1. È una delle mie serie preferite! Adoro Juliette, adoro il percorso di crescita che compie, adoro Warner - book boyfriend della vita! - e adoro la Mafi, una persona che non ha paura di rischiare e uno stile fuori dagli schemi ❤
    Warnette anche tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che domande Susi!!! Warner tutta la vita!!!
      Una serie bellissima, la penso esattamente come te! :D

      Elimina
  2. Ho adorato questa trilogia *_*
    Juliette è un personaggio che matura di libri in libro, quindi sono sicura che alla fine l'apprezzerai molto :)
    Poi come non adorare Warner e Kenji❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho finito Ignite me l'altro giorno (devo sola fare la recensione!!) e posso dirti che effettivamente Juliette mi è sempre andata più a genio nel proseguire la storia. Amo Warner soprattutto in Unravel e Ingite <3
      E senza Kenji le scene con Adam sarebbero state da suicidio!!

      Elimina
  3. Che strano leggere questa recensione dopo tutti i discorsi fatti su TUTTA la trilogia o.O Adesso recensirai anche gli altri, vero (leggi: FALLO)??
    Interessante la considerazione che non hai apprezzato Adam anche perchè presentato salvatore di qualcuno che non ha bisogno di essere salvato. Nelle nostre chiacchierate non era venuto fuori, però è vero, Adam è il Principe Azzurro (diciamo) e Juliette... Be', su di lei non mi esprimo, tanto già sai che la odioxD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, le altre due recensioni son già programmate!!!
      Adam sin da subito mi ha dato questa idea del Principe Azzurro (che io detesto eh) e pian piano si è rafforzata andando avanti con la serie, per fortuna Juliette non è la classica principessa che ha bisogno di aiuto XD (e lo so che a te non piace ma poi migliora suuu!!)

      Elimina
  4. Non avrei mai immaginato fosse così, lo ammetto... D: Chissà se lo leggerò... Sono leggermente titubante dopo aver letto la tua recensione, lo ammetto! :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando decidi definitamente per il NO dimmelo che ti spoilero io tutto! ahahaah

      Elimina
  5. Ciao Fede! Anche a me è piaciuto molto questo libro! Adam ammetto che mi ha fregata... ma solo fino a che non ho letto la novella Destroy Me, poi gli ho fatto ciao ciao con la manina e mi sono abbarbicata a Warner stile edera. Hai l'occhio più lungo del mio! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Adam non lo potevo sopportare nemmeno qui! E' troppo principe azzurro salvatore!! Ma anche Juliette qui non è che fosse il massimo, per fortuna poi si riprende negli altri! <3

      Elimina
  6. Ed eccomi qua, il tuo portatore di disagio. Sai già quello che penso, che in pratica le nostre conclusioni su Shatter coincidono, ma qui voglio parlare di Warner e ribadire il fatto che lui è la mia tranvata più madornale. Ebbene, lo ammetto: ho odiato Warner in Shatter, mentre tifavo per Adam. Poi è arrivato Destroy me e BAM! Tranvata! Mai ho cambiato idea così radicalmente su un personaggio come mi è capitato con Warner. Perchè, diciamoci la verità, la Mafi mi piace e adoro il suo modo di scrivere, l'uso del barrato e delle metafore, ma Shatter me Saga va letta assolutamente per Warner. E Kenji. L'inferno è vuoto e tutti i demoni sono qui. Ignite, my love. Ignite.
    Ci risentiamo per Your Name :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DISAGIO, parliamo di Warner si, il motivo principale per leggere questi libri! A me qui non dispiaceva qui, cioè è uno psicopatico ma è meglio di Adam, poi si vede che avevo un sesto senso che sarebbe cambiato (e tu non hai influito perchè ne abbiam parlato che io già ero persa per lui xD) Ma poi tu sai che quando sono arrivata ai tatuaggi in Unravel ho perso la ragione XD
      E va letto anche per Kenji, assolutamente!

      Elimina
  7. È da una vita ormai che continuo a ripetermi che devo iniziare questa serie.. Forse stavolta è quella buona! 😁😁😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita davvero tanto, appena puoi iniziala!!!! :)

      Elimina
  8. Il genere distopico mi ha sempre intrigato, ma non ho mai letto nulla. Segno anche questo titolo: la trama è fantastica e da come ne parli deve trattarsi di una storia mooolto interessante! Apprezzo anche il fatto che la serie sia completa, così potrò passare tranquillamente da un libro a quello successivo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io oramai son esperta di questo genere, Shatter me poi ha anche una forte parte di romance quindi è un mix perfetto, veloce da leggere e crea dipendenza! La serie in italiano non è completa perchè manca il terzo libro tradotto (più le due novelle che però son facoltative) ma ho letto Ignite me in inglese ed è assolutamente fattibile! :)

      Elimina