lunedì 30 gennaio 2017

IL CANTO DEL SANGUE - Anthony Ryan

Buongiorno! Oggi vi parlo di un libro che se non mi fosse stato suggerito mai avrei preso in considerazione. Seguo tanti blog, trovo tanti libri interessanti e mi vengono consigliati tanti libri da tante persone, ma poi in realtà ne prendo in considerazione pochi, e da persone assolutamente fidate (e tutti gli altri stanno in wishlist in attesa per mesi e mesi......). Quando mi è stato detto: "Leggi questo libro" mi è venuto male vedendo il numero di pagine e sapendo che ha ben due seguiti, ma il consiglio è arrivato da Virginia, e quindi non potevo farmi abbattere da 760 misere pagine no?? Parola sua! E ne sono rimasta davvero colpita, perciò Virginia grazie, tu sai quanto ho apprezzato questo libro! Perciò perdonatemi la lunghezza della recensione, oramai sapete che scrivo tanto... e qui c'è davvero tanto da scrivere!!!!


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Titolo: Il canto del sangue
Autore: Anthony Ryan
Editore: Fanucci Editore
Pagine: 761
Trama: Pochi mesi dopo la morte della madre, l’undicenne Vaelin Al Sorna viene portato da suo padre alla Casa del Sesto Ordine, una confraternita di guerrieri devoti alla Fede, che diventerà la sua nuova famiglia. Sulle prime il ragazzo si sente tradito dal proprio genitore, ma la sua tempra forte lo aiuta ad affrontare l’addestramento severo e le terribili prove a cui tutti i membri dell’Ordine vengono sottoposti. Ma per Vaelin e i suoi fratelli, diventati temibili guerrieri, il futuro ha in serbo molte battaglie in un Regno dilaniato da dissidi e il cui sovrano nutre mire di espansione. E tra segreti e complotti, il giovane dovrà fare i conti con la sua voce interiore, un canto misterioso che lo guida, lo avverte del pericolo, lo rende immune alla fatica, sensibile alle voci della foresta. Il canto è un dono del Buio, può ardere o spegnersi, non proviene da nessuna parte e non può essere insegnato: solo occorre affinarne il controllo, esercitarlo, perfezionarlo. Il canto è Vaelin stesso, il suo bisogno, la sua caccia. E presto gli rivelerà che la verità può tagliare più a fondo di ogni spada.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


In questo primo libro della trilogia, che può essere considerato come un romanzo di formazione, conosciamo il personaggio indiscusso dell’opera: Vaelin Al Sorna.
Il racconto è suddiviso in cinque parti, ognuna delle quali introdotta dal resoconto di Verniers, il Cronista Imperiale. Incontriamo Vaelin come Prigioniero dell’Imperatore di queste terre, “costretto” a combattere per la libertà, si ritrova a raccontare a Verniers (e di conseguenza a noi) la storia dal suo punto di vista, di come la guerra lo abbia portato nell’Impero, di come la sua infanzia sia finita dal momento in cui suo padre lo ha portato davanti ai cancelli del Sesto Ordine. Sin da subito ci viene presentato un Vaelin adulto, forgiato da mille battaglie, famoso Uccisore di Speranza, dagli occhi penetranti, conosciuto con mille nomi diversi da tanti popoli diversi.

“Dicevano che i suoi occhi potessero mettere a nudo l’anima di un uomo, che nessun segreto gli poteva essere nascosto se incontrava il tuo sguardo.”

La storia di Vaelin si svolge in un Regno dove ci sono diversi ordini che seguono la Fede, una religione che crede nei Defunti e nell'Aldilà, e che fa di tutto per preservare il Regno dai pericolosi Negatori che seguono e praticano il Buio  e che da quando il Regno è stato unificato appoggiano il volere del Re, pure restando un Ordine indipendente. Il Sesto Ordine, quello dove viene spedito Vaelin, è quello dei fratelli guerrieri, e da quel giorno la sua vita cambierà totalmente, sarà dura, dovrà superare tante prove per poter diventare qualcuno. Sin da subito si nota che lui ha qualcosa in più degli altri, con la spada è magnifico, è il classico personaggio che ami e segui o che odi, un uomo destinato a comandare. Per tutta la prima metà del libro lo vediamo all’interno dell’Ordine, insieme ai suoi fratelli a superare varie prove, ad affrontare diverse minacce.

“Sei un guerriero al servizio della Fede. Non dimenticartelo. Può non significare nulla per te ora, ma col tempo lo sarà.”

Ma la minaccia più grande è forse il RE, quel re freddo e calcolatore che troverà il modo di piegare Vaelin al suo volere, e Vaelin d’altro canto non potrà far altro che seguire il suo destino. Perché da sempre ha come una melodia in testa, come un canto che lo guida, gli sembra di sentire delle voci che lo aiutano, che gli dicono cosa fare, che lo avvertono del pericolo.

“Il canto non può essere insegnato, fratello, e non proviene da nessuna parte. È semplicemente ciò che sei. Il tuo canto non  è un altro essere che vive dentro di te. Sei tu.”

Ma un Dono del genere potrebbe essere pericolo. Un Dono del genere è il Buio, è tutto ciò che la sua Fede combatte, o forse no?

“Buio è una parola per gli ignoranti. Le persone qui hanno il Dono. Poteri diversi, capacità diverse. Ma è comunque un Dono. Come il tuo.”
  
Vaelin crescendo e combattendo nel suo Regno e non solo, capirà che non tutto è come gli è stato insegnato dall’Ordine, ci sono segreti e complotti nel Buio, e solamente seguendo il suo canto potrà essere davvero libero…


Un libro complesso per la sua mole, non solo di pagine. In pratica Vaelin è l’unico protagonista e lo seguiamo in ogni momento della sua vita, in ogni battaglia, in un alternarsi di passato e presente. Ma non è affatto pesante, anzi, è scorrevole e mai noioso, mi ha accompagnato per 9 giorni e ora che ho finito il libro mi manca, perché oramai alla sera arrivavo a casa volendo leggere di Vaelin, un personaggio che mi è rimasto nel cuore, coraggioso, forte, intelligente che si affida alla Fede ma che non crede ciecamente a tutto ciò che la Fede (o il Re) rappresenta. Un uomo in grado di mettere in dubbio i dogmi coi quali è stato educato, grazie anche al Dono che lo contraddistingue.
Pur essendo l’unico protagonista è sempre attorniato da tantissimi personaggi a cui non puoi fare a meno di affezionarti, come Nortah, o Sherin, per non parlare di Frentis o il cane Graffio!

Non è mai stata una lettura difficile anche se all’inizio fatico sempre ad ambientarmi in un nuovo mondo fantasy, soprattutto quando ci sono tanti nomi di persone come in questo caso. Che poi così fantasy non l’ho nemmeno trovato. Si ci sono tante guerre, c’è il Buio, sinonimo di magia, che può essere visto come un Dono anche, ma a parte questo non ci sono altri elementi del fantasy, mi è sembrato quasi tutto plausibile, con la religione come tema centrale sempre e comunque affiancata dalla guerra e dal potere, che poi, è esattamente quello che è sempre successo nella storia, religione e potere strettamente intrecciati. 

Una cosa che mi è piaciuta è il finale, quasi conclusivo se vogliamo. So che ci sono altri due libri e molte questioni sono rimaste aperte ma uno volendo può fermarsi qui, non c’è quel colpo di scena che ti lascia col fiato sospeso e che spesso mi fa restare in ansia dei giorni, ci sono sì dei colpi di scena ma nulla che ti fa dire voglio subito il secondo. Seguiti che comunque voglio leggere a breve, perché oramai sono Vaelin-dipendente e adesso mi manca davvero, perché una volta conosciuto non puoi far a meno di amarlo e di seguirlo.

8 commenti:

  1. Questo libro è nella mia wish list da un po', ma penso che aspetterò il momento giusto per cominciarlo. Comuqnue sono contenta che ti abbia appassionato *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! C'è da dire che la storia è lunga eh, ma resta sempre scorrevole ed interessante, spero a breve di riuscire a leggere gli altri due! ^_^

      p.s. Non parlarmi di libri in WL che ne ho un'infinità (tra i quali compare pure il tuo romanzo, solo dovrebbero vendermi anche il tempo per leggere tutto!!!)

      Elimina
  2. Eccomiiii!
    Mi nomini, non potevo non intervenirexD
    A parte che io c'ho le anteprime (yeahB)), però sono contenta - e lo sai - di non essere più l'unica nel tunnel di dipendenza da Vaelin (più Vaelin per tutti, please).
    Belle poi le citazioni che hai preso! Ma ce n'erano tante di suggestive e interessanti. E aspetta di leggere il secondo! Là ti aspetto, così poi concludiamo l'avventura insieme*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ti nomino, colpa tua se sono entrata nel vortice di dipendenza!
      Be' mi sono dovuta "accontentare" di citare solo queste, avevo metà kindle evidenziato!!! E stai calma che leggo anche il secondo, se mi lasci un po' di tempo arrivooo!! :)

      Elimina
  3. amore assoluto per questo libro!!!

    RispondiElimina
  4. Prima volta che ne sento parlare... Però sembra un libro che merita tantissimo D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque ha tante pagine, è un fantasy storico.... secondo me potrebbe piacerti XD
      E la trilogia è già conclusaaa :3

      Elimina