giovedì 19 gennaio 2017

25 GRAMMI DI FELICITA' - Massimo Vacchetta - Antonella Tomaselli

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Titolo:  25 grammi di felicità. Come un piccolo riccio può cambiarti la vita
Autore: Massimo Vacchetta e Antonella Tomaselli
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 184
Trama: "Ma perché lo fai? Cosa ti rendono i ricci?" "Mi rendono felice." "Te ne potresti occupare tu per questi due giorni?" Inizia più o meno così l'amicizia tra Massimo, veterinario specializzato nei bovini, e un riccetto orfano. Il cucciolo ha pochi giorni, è tutto rosa, e ha sul dorso una corona di aculei bianchi e morbidi, un po' scomposti. Pesa solo 25 grammi e pigola piano: ha fame, o freddo, o forse si sente solo. Un pianto tanto disperato che scalfisce la corazza di abitudini e apatia che Massimo si è costruito. È così che Ninna - sì, perché il riccetto spettinato si rivela una femmina - stravolge la sua vita con la forza della sua personalità. È curiosa e appena "annusa" novità si affaccia dal suo rifugio; è giocherellona, e si diverte a rovesciare con il naso la ciotola dell'acqua; è affettuosa e lo lecca pazza di gioia dopo una lunga assenza. Però è anche un animale selvatico e reclama la sua libertà: la gabbia le va sempre più stretta e la sua felicità è fuori nei boschi. In questo libro, Massimo Vacchetta racconta lo straordinario incontro che lo ha aiutato a uscire da un periodo buio e gli ha dato un nuovo scopo: creare un centro di recupero per i ricci, una specie minacciata dalla nostra disattenzione, e aiutare gli esemplari in difficoltà. Come Trilly l'impenitente dongiovanni, o la fragile Lisa che ha conquistato tutti con il suo sguardo, o Zoe che ha saputo resistere a ogni colpo. Animaletti feriti, maltrattati, indifesi, ma in grado di trasmettere una grande voglia di vivere.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Questo libro mi ha accompagnato durante gli ultimi giorni del 2016 e devo dire che non potevo scegliere compagnia più dolce. Un libretto corto, molto veloce da leggere che però ti lascia col sorriso, penso di aver avuto il sorriso stampato in faccia durante tutta la lettura, per non parlare poi della fine dove troviamo le foto dei ricci che vengono salvati e ospitati dal centro di recupero, sembravo una stupida mentre mi dicevo da sola (ad alta voce pure!!) “ma che carrrinoo questo riccetto!!”.

È un libro che ricorda un po’ una favola, con protagonista il sogno di Massimo di salvare i ricci, assistiamo alla nascita di questo desiderio sin dall'inizio, da quando incontra la Ninna, il suo primo riccio salvato e cresciuto. Perché è grazie a lei che ha cambiato vita; solo che non è una bella favola dove tutto si conclude per il meglio. Perché sì, tutto va bene e Massimo riuscirà a realizzare il suo sogno, ma il bello è che la storia è vera! Ed è raccontata in prima persona proprio da lui, il che rende la lettura ancora più interessante.

Si percepisce da ogni parola l’amore che Massimo prova nell'aiutare questi animaletti così snobbati di cui in pochi si preoccupano, e ne vieni risucchiato pure tu. 

Grazie a questa storia ho imparato tante cose sui ricci, non so se mi capiterà mai di salvarne uno ma ora saprei cosa fare o almeno chi chiamare. Ma grazie a questa storia ho capito che per cambiare vita, per dar luce ai proprio sogni non bisogna fare chissà che sforzi, tutto può cambiare anche con poco, a Massimo per essere contento sono bastati 25 grammi di felicità.

12 commenti:

  1. Ciao, ho già sentito parlare di questo libro e l'ho aggiunto in wl perchè mi sembra molto carino e tenero! E poi adoro gli animali :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero bello, una lettura semplice e veloce ma che ti rende felice :)

      Elimina
  2. Ciao! Ho amato moltissimo questo libro e l'ho piazzato sollevato sullo scaffale perchè la cover è all'altezza del contenuto.
    Vorrei che ci fossero più persone come questo veterinario che rispetta la natura e si spende ogni giorno per insegnare al mondo cosa significa occuparsi dei più piccoli.
    Spero davvero che la sua esperienza non sia quella di una mosca bianca e che sempre più persone si rendano conto che non possiamo più permetterci di alterare il mondo che ci circonda :(
    Un salutone
    Leryn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leryn! La cover è fantastica, concordo in pieno :)
      Guarda io vivo in campagna perciò sono abituata a vedere la natura e gli animali attorno a me e a rispettarli di conseguenza, ma credo che questo libro faccia bene a tutti a maggior ragione chi non si rende conto del mondo attorno a noi!
      a presto

      Elimina
  3. Che tenerezza*-*
    A parte che ti riesco tranquillamente a immaginare mentre fai piccipucci ai riccetti in foto, perchè ti conosco e perchè io lo faccio con le foto dei gattini (a volete me li cerco su google, per aggiungere bellezza alle mie tristi giornate universitarie).
    Il libro sembra tenerissimo, in questo momento poi sono di umore assolutamente puccioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... si lo ammetto facevo così, e mi sono trattenuta dallo scrivere puccioso nella recensione perchè sono una persona seria (ahahahahahah).
      Dai se lo trovi leggilo è brevissimo! ^_^

      Elimina
  4. Ciao Federica! Non conoscevo questo libro ma dalle tue parole sembra davvero molto dolce e piacevole. Insomma una lettura tenera! <3 Oltretutto dove ci sono le favole e i sogni, ci sono anche io! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda è davvero è una storia bella, è difficile fare una recensione di un'esperienza di vita vera perchè l'unico modo per capire il libro è leggerlo. Ed è proprio questa la bellezza della storia, che è vera! E dato che le pagine sono poche te lo consiglio proprio! :)

      Elimina
  5. Vedo questo libro ovunque e altrettante recensioni a riguardo... Sarà un segno che pure io dovrò leggerlo? Ahahah

    RispondiElimina