mercoledì 14 dicembre 2016

FUGA DAL NATALE - John Grisham

Buongiorno a tutti!! Sentite anche voi aria di Natale? In giro per le città le luminarie sono accese, in casa l’alberello è operativo e sotto di esso cominciano ad ammucchiarsi i regali! Mi piace il Natale, ma odio leggere i libri (e vedere i film) che ne parlano. Ma per oggi farò un eccezione e vi parlerò di un libro molto carino e adatto al periodo (che poi rientra pure nella challenge LGS a cui tecnicamente sto ancora partecipando anche se poco!).


Titolo: Fuga dal Natale
Autore: John Grisham
Editore: Mondadori
Pagine: 153
Trama: Solo l'anno prima la famiglia Krank aveva speso 6100 dollari per preparare il Natale. Quest'anno papà e mamma Krank si trovano all'aeroporto per salutare, pochi giorni prima di Natale, la figlia Blair in partenza per una missione umanitaria in Perú. Un pensiero un po' folle si insinua in loro: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair?! E se lo saltassero? E se utilizzassero quei 6100 dollari per la crociera ai Caraibi che da anni si sono sempre negati? Basta non andare dal rosticciere (che sollievo evitare la ressa), non invitare nessuno al party (troveranno certo dove andare quegli scrocconi), non montare nessun Frosty sul tetto (operazione, per altro, pericolosa per un uomo di cinquantaquattro anni). Il grande piano è deciso e messo in atto, prima in modo titubante, poi spavaldo. Ma il Natale, con la sua straordinaria potenza consumistica, con la sua ingombrante presenza moralistica, sta per prendersi la più esilarante e sferzante rivincita sui poveri Krank.
Una favola classica dei tempi moderni, un'ironica provocazione che regala momenti di puro divertimento e che ci fa scoprire John Grisham geniale scrittore della commedia umoristica e disincantato osservatore di una tradizione di cui ormai non possiamo fare a meno.


Luther e Nora passeranno il primo Natale senza Blair, non sembra nemmeno Natale così! In più Luther controllando le spese dell’anno precedente ha notato che ben 6100 dollari sono stati spesi per regali, addobbi, beneficienza, insomma per Natale! E cosa ne hanno ricavato? Nulla!! Per questo ha deciso che quest’anno il Natale non si farà!

“Il trucco è semplice. Non facciamo Natale. Risparmiamo i soldi, e una volta tanto li spendiamo per noi stessi. Non un centesimo per cibo che non mangeremo, indumenti che non indosseremo o regali di cui nessuno a bisogno. Non un maledetto centesimo. È un boicottaggio, Nora, un totale boicottaggio del Natale.”

Peccato però che la sua semplice idea all'apparenza geniale lasci tutti di stucco, a partire dai vicini che gli dichiarano guerra essendo l’unico a non esporre il Frosty sul tetto, facendo così perdere il premio di via più bella al quartiere.
La loro decisione di boicottare il Natale e andarsene ai Caraibi fa presto il giro del vicinato, tutti sanno che loro non festeggeranno, e tutti gli metteranno pressione per comprare, fare beneficenza e decorare. Insomma un vero incubo! Per fortuna che il giorno della partenza è vicino!
Ma proprio quando mancano pochi giorni alla partenza accade qualcosa che sconvolgerà i loro piani, costringendoli a fare dietro front per correre ai ripari al più presto, ma dopo aver voltato le spalle a tutti, chi vorrà mai aiutarli?

Una storia davvero molto carina e simpatica che con un po’ di ironia fa riflettere su quanto possa essere consumistico il Natale; se ci pensiamo tutti a Natale spendiamo troppi soldi in regali inutili (i libri non sono considerati regali inutili però, sia chiaro!!!) e in feste ed addobbi. Luther con la sua idea di utilizzare i soldi del Natale per andare in crociera pensa di risparmiare ma facendo così volta le spalle a tutti i suoi amici e vicini, e così quando arriva per lui il momento di bisogno ha paura di chiedere perché nessuno lo vuole aiutare. Ma siccome a Natale siamo tutti più buoni dovrà ricredersi pure lui, e nonostante il suo comportamento egoista un po’ da Grinch, capirà che il Natale è fatto per stare insieme e condividere, è proprio quella l’essenza del Natale, quell’aria di festa che ci accomuna e ci fa fare cose buone, nonostante i nostri comportamenti passati.

Il finale poi è molto dolce, e mi è piaciuto particolarmente.
Una storia che sembra una favola, si legge alla svelta e lascia davvero il sorriso.

“Saltare Natale. Che idea ridicola.

Magari l’anno prossimo.”

10 commenti:

  1. Non devo leggere recensioni di questo libro che lo voglio leggere a Natale
    Non devo leggere recensioni di questo libro che lo voglio leggere a Natale
    Non devo leggere recensioni di questo libro che lo voglio leggere a Natale
    Non devo leggere recensioni di questo libro che lo voglio leggere a Natale
    Non devo leggere recensioni di questo libro che lo voglio leggere a Natale
    Ommmmmmm.... ommmmmmm.... tentazione di leggere vai via.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su su non fare così, è già Natale puoi leggerlo!
      XD

      Elimina
  2. Ciao! Grazie per essere passata da me, mi sono unita con grande piacere ai tuoi follower, considerando che stiamo anche seguendo lo stesso gruppo di lettura! <3
    Questo romanzo mi incuriosisce molto e a parte l'atmosfera perfetta per questo periodo, è anche pieno di riflessioni importanti. ^__^
    A presto!

    Antonietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è davvero un libro adatto al periodo che nonostante la vena comica fa riflettere! :)
      uhh domani pubblico la recensione dei nuovi capitoli di BF! *_*

      Elimina
  3. Ciao! Ecco, questa mi sembra la lettura perfetta per questo Natale. Io ogni anno scelgo un libro a tema che inizio a leggere poco prima del 25, ma questa volta non avevo ancora deciso! Questo libro mi ha ispirato subito, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria!! Io amo il Natale ma non mi piacciono le storie di Natale, ma questa mi ha proprio conquistata! Leggilo e non te ne pentirai :)

      Elimina
  4. Ciao! Avevo già adocchiato questo libro, sembra perfetto per questo periodo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola, è decisamente il periodo perfetto per leggerlo! :)

      Elimina
  5. Ciao Autumn,
    ho visto il film ma non sapevo fosse stato tratto da un libro, decisamente ero poco informata. Sono daccordo con te, oltre ad essere adatto per questo periodo, è una storia che fa anche riflettere molto.
    Bella recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho visto il film invece! Ma ti consiglio questa lettura perché è veloce e perfetta per Natale!! ^_^

      Elimina