lunedì 10 ottobre 2016

DOPOTUTTO, POSSO FARCELA - Irene Val

Buongiorno!! La recensione di oggi è quella di un libro che ho scoperto un po' per caso bazzicando sui social, ma che una volta letto mi è entrato in testa e nel cuore!

Titolo: Dopotutto, posso farcela
Autore: Irene Val
Editore: Self-publishing
Pagine: 410
Prezzo: € 10,40 cartaceo – € 2,99 ebook
Trama: Milena, Lena per tutti, ha quasi diciotto anni, ma non si sente per niente giovane. È il 1987, e a Roma ci sono le cabine telefoniche e gli autobus verdi, e c’è anche il suo liceo classico, un bellissimo ex convento atterrato lì da chissà dove, in mezzo ai palazzoni grigi della periferia. È là che un giorno di settembre arriva Luca, dal nord. Nella vita di Lena ci sono già l’amico Andrea, l’ex migliore amica Marta, la sorella Silvia, la ginnastica ritmica, i libri... ma quando in quella vita piccola e stretta entrerà Luca, tutto il resto diventerà uno sfondo. Con lui, Lena diventerà Mile, fino a diventare davvero, e completamente, Milena, anche per gli altri.
Un romanzo di formazione, ambientato in anni in cui computer e cellulari non facevano parte della vita delle persone, quando per sentire la voce del tuo amore dovevi aspettare che ti chiamasse al telefono di casa, rigorosamente in camera dei tuoi genitori. Formazione sentimentale, quando inizi a confrontare ciò che credi di essere con l’immagine che un altro ha di te, fino a capire chi sei e chi vuoi diventare, e formazione personale, quando il futuro indistinto inizia a farsi più chiaro e la tua prospettiva, con un’intensità quasi dolorosa, si allarga.
Peccato che diventare grandi sia sempre così maledettamente difficile, e chiunque abbia detto che la gioventù è un’età d’oro non sa niente della gioventù, o ha dimenticato la sua.



Riflessioni: Parto col dire che solamente l’aver ambientato la storia nel 1987 ha per me un fascino particolare, perché sono gli anni in cui sono nata e hanno un che di magico per me.
Irene ha una scrittura molto precisa e accurata, senza mai essere banale, e riesce a trasmettere emozioni, riesce a portarti dentro alla storia, e diventa impossibile non identificarsi almeno un pochino con Milena, soprattutto per me che le assomiglio molto caratterialmente. 
Milena infatti è una ragazza insicura, introversa e timida, che tende a sottovalutare le sue potenzialità, per questo sta dietro da anni allo stesso ragazzo senza mai farsi avanti, vivendo nell'ombra della sua amica Marta. Ma quando a scuola arriva Luca, qualcosa cambia, perché quando lui la guarda qualcosa in lei si muove, sente un legame con quel ragazzo che sembra quasi un angelo e che è decisamente attratto da lei:

“Poi i suoi occhi si muovono appena, di lato, e arrivano sulla mia faccia. Non mi saluta, non mi sorride, ma mi fissa per un lunghissimo istante, e in quello sguardo c’è tutto: un saluto, un sorriso, e una specie di promessa.”

Vediamo così questi due ragazzi innamorarsi, ed è davvero una storia bellissima, ma il loro è anche un amore sofferto, difficile, esasperante a volte, come solo Milena con le sue paure e insicurezze sa essere:

“Lo so che è colpa mia, che la mia paura di perderlo me l’ha già fatto perdere, che è la mia insicurezza a creare  i fantasmi, ma quei fantasmi mi spaventano lo stesso”

Fa quasi male leggere di questo amore, ma non puoi fare a meno di andare avanti perché Milena e Luca ti entrano nel cuore e tu devi assolutamente sapere cosa succederà.
L’amore però non è l’unico protagonista della storia, la protagonista vera è Milena, e attorno a lei vediamo anche altri rapporti importanti, come quello col suo migliore amico Andrea che le sta sempre accanto e la sostiene certe volte dandole una “svegliata”; o quello con Silvia, la sorella maggiore di cui è sempre stata un po’ invidiosa, ma che da poco a iniziato a confidarsi con lei dandole pure consigli “da donna”, grazie a lei Milena può finalmente contare su qualcuno che la aiuta a capire il mondo, anche perché il rapporto con la madre non è certo di aiuto in queste cose. Il rinato (o forse appena nato) rapporto tra le due sorelle mi è piaciuto molto, io sono figlia unica ma mi sembra di sapere cosa si prova ad avere una sorella ora,  e ne ho quasi nostalgia, si può avere nostalgia di qualcosa che non conosciamo??? Si!
Tramite Milena, ho provato emozioni per cose che non ho mai fatto prima, mi sono talmente immersa nel libro da essere Milena sul palco durante lo spettacolo teatrale della scuola, mi sono sentita felice di avere una sorella, mi sono ritrovata a Roma ad usare una cabina telefonica, ho letteralmente vissuto un'altra vita.
I libri hanno la magia di portarti in luoghi e situazioni sconosciute, e hanno il potere di farti provare cose mai fatte prima, ma solo certi autori riescono a emozionarti e farti sognare in questo modo, Irene ci è proprio riuscita.
La cosa brutta di questo libro, ebbene sì una cosa negativa c'è, è il finale che viene interrotto bruscamente; si resta col fiato sospeso sul futuro di Milena e Luca. 
Questa idea del finale "aperto" mi piace molto, posso finire la storia come meglio credo. Però l’autrice mi ha assicurato che sta già lavorando al seguito, così per quanto possa essere bello immaginarmi il continuo quello che scriverà lei sarà sicuramente più coinvolgente.


12 commenti:

  1. Questo è il libro di cui mi parlavi. Mi hai messo curiosità!

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la recensione! :) Questo libro me l'ero completamente perso, ma sembra carino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! ^.^
      Guarda io l'ho proprio scoperto per caso!!!!

      Elimina
  3. io ODIO i finali troppo aperti, ma mi piacciono i libri ambientati negli anni 80.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai un libro ogni tanto ci sta col finale aperto!! ;)

      Elimina
  4. Ciao Autumn! Anch'io avevo scoperto di questo romanzo leggendo sui social (non so te, nel mio caso è stato il consiglio di Amabile Giusti) e mi attirava e adesso ancora di èpiù. La tua recensione è accurata e piena di sentimento e fanno capire di avere davanti qualcosa di più di un romanzo d'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio caso stavo seguendo il consiglio di Bianca Marconero! Non lo avrei mai notato forse,ma mi è davvero piaciuto tanto! Sono felice di averlo trasmesso!!! :)

      Elimina
  5. Ciao! Anche io sono nata in quegli anni e quindi mi hai incuriosita molto con la tua recensione.. Lo segno e ci farò sicuramente un pensierino perché anche la trama mi ha colpito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io l'ho letto in ebook, ma lo volevo anche cartaceo! Ho notato che attualmente su amazon non è disponibile, mi auguro che torni presto a essere ordinabile!!!! Perché è davvero bello!

      Elimina
  6. Ciao Autumn, piacere di fare la tua conoscenza e la conoscenza del tuo blog :3
    Questo romanzo l'ho preso quando l'autrice lo ha messo in promozione gratuita qualche tempo fa perché tra i miei contatti lo consigliavano calorosamente!
    Adoro anche io gli anni 80/90 dunque la premessa mi intriga parecchio ^.^ devo dire che è difficile trovare self di qualità, ma questo sembra proprio uno di quelli, grazie per la bella recensione che mi ha aiutato a farmene un'idea più chiara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il piacere è tutto mio! :)
      Anche io l'ho preso quanto era in promozione, e me ne sono innamorata appena iniziato, ti consiglio di leggerlo appena puoi, non resterai delusa :D
      A presto! :)

      Elimina